Home Blog

Riflessioni di fine anno

Dante e il tumore alla gamba. Riflessioni di fine 2022

Il 2022 si chiude fra pochi giorni. Lo ricorderemo come l’anno dell’estate più torrida di sempre e del tumore di Dante. Una fine d’anno che non ci aspettavamo e che conferma un trend che avevamo già individuato. Ovvero la sciatteria dirompente di un sistema (allevatori, veterinari, alimentazione industriale…) che dice di mettere al centro l’animale domestico quando invece sono proprio i professionisti coinvolti al centro di tutto. Certo non si può generalizzare, ma questo è il nostro blog e noi scriviamo della nostra esperienza. In questo articolo leggerai riflessioni puntuali ma scritte come flusso di coscienza.

Sciatteria sistema animali da compagnia
Dante durante le Feste di Natale 2022 – il calzetto è onnipresente e coordinato con la felpa. Che chic. Sotto il calzetto si nasconde il ponfone di merda che altro non è che il mastocitoma cutaneo.

La sciatteria di allevatori / cagnari

Partiamo con il botto.

La delusione più grande è stata l’allevamento di Dante e Mia. Non una telefonata per sapere come sta Dante. Scomparsi. L’atteggiamento la dice lunga sull’importanza di mettere al centro il cane. Il benessere del cane. Bla bla bla.

Non ci dilungheremo sugli allevatori perché abbiamo scritto tanti articoli su come sceglierli, su come stare alla larga dai cagnari che anche basta. Ognuno apra la mente, gli occhi e si prenda la propria responsabilità.

Fatti una domanda e datti una risposta.

Dal nostro punto di osservazione privilegiato (arrivano commenti, storie via email, chat) abbiamo raccolto così tante testimonianze che non si salva nessuno. Il sistema è malato e la razza del Bouledogue Francese è compromessa (tanto che nei paesi nordici l’allevamento della razza è bandito).

Come mai i rescue sono pieni di Bouledogue o simil bulldog?

Come mai in giro ci sono così tanti Bouledogue ‘strani’?

E perché dal veterinario ci sono soprattutto Bouledogue?

Perché gli allevatori non parlano mai abbastanza delle patologie di razza che fra l’altro, sono escluse dalle polizze assicurative? Di certo parlano del colpo di calore che guarda caso dipende dal proprietario e non certo dal cane, che di sua iniziativa non si mette sotto 40 gradi a friggersi il cervello.

E soprattutto:

A sorvegliare e tutelare la razza ci sarebbe un ente preposto. Cosa sta facendo? Mistero.

  • Perché non vengono fatti più controlli negli allevamenti a fronte delle nuove iscrizioni all’albo?
  • E come mai non si vigila con maggior attenzione sul numero annuale delle cucciolate?
  • Il pedigree è ancora attuale oppure è un certificato obsoleto ?
  • Al posto del pedigree dovrebbero essere pretesi test genetici a tutela dell’esemplare e della compravendita del cane?

La sciatteria dei veterinari

Dante e Mia sono sempre stati cani monitorati. Lo abbiamo ampiamente documentato in questo blog creando una ricca sezione ad hoc ‘benessere e salute’ (se fossi l’allevamento mi vergognerei a scorrere tutte le malattie che hanno avuto Dante e Mia). Scorrendo la sezione del sito si nota che entrambi hanno avuto diverse malattie poi fortunatamente risolte o tenute a bada con i farmaci. Nell’inverno 2022 avevamo in programma delle visite di controllo con il veterinario nutrizionista per terminare l’iter del cambio di alimentazione dalle crocchette industriali alla dieta casalinga. Un iter durato più di un anno. Lo abbiamo fatto con la promessa di vederci poi all’inizio della primavera per il richiamo del vaccino annuale e del vaccino trivalente. Così è stato fatto. Dante e Mia sono stati entrambi visitati. Con scrupolo? Il ponfino di Dante c’era. Era lì da due anni. Immobile. Mai un cenno sullo stato del ponfino in quell’occasione e nelle visite precedenti. Il ponfino avrebbe dovuto essere monitorato con maggior attenzione?

Sciatteria veterinaria.
Dante porta il collare elisabettiano di notte e quando gli umani escono di casa. Questo sacrificio è per proteggere i suoi occhi (si è procurato una lesione alla cornea dal fastidio / prurito causato dal ponfone di merda) e le medicazioni del tumore.

La nebulosa della diagnostica

La stessa valutazione ‘niente di che’ con l’aggiunta se ha prurito spruzza il Cortavance è stata fatta dal veterinario di campagna all’inizio di giugno 2022. Dopo due mesi, con i bulli al fresco – non sia mai che abbiano un colpo di calore – siamo finiti col fare una biopsia a fine agosto perché il ponfino non si cicatrizzava mai. Esisto positivo. Poi la colorazione. Esito positivo. Poi il circo infernale di trovare un chirurgo. Ci siamo dati da fare per trovare IL professionista. Ci siamo sentiti dire di tutto. Tagliamo la zampa (l’umana è scappata), basta una siringata al ponfone (ma che roba è?), vai a Milano dal chirurgo influencer (350 km a e 350 km al ritorno con un Bouledogue a 35 gradi a settembre). Poi ci siamo confrontati con una persona che studia medicina e che ci ha detto di fare tutta la diagnostica possibile perché è fondamentale per arrivare ad una cura valida, specifica per Dante. Abbiamo seguito il suo consiglio perché nella sua storia ci siamo ritrovati (il suo bellissimo bullo ha un linfoma, we love you Paride).

Non si perdona più la sciatteria

Così ci siamo affidati ad una struttura veterinaria a 35 km da noi, raggiungibile in giornata e per le emergenze. Abbiamo scelto un oncologo con esperienza e teniamo le dita incrociate. Ci ha spiegato che la chirurgia nel caso di Dante non si può fare per via della posizione del ponfone e che la malattia ha già coinvolto il linfonodo della gamba. Per gli aggiornamenti di Dante vai qui. L’umana con l’oncologo è una rompi coglioni, non si perdona più niente perché Dante ha un mastocitoma di secondo grado. Non tornerà mai più il Bouledogue di una volta che camminava per ore ed era pieno di entusiasmo. Dante è invecchiato di colpo, la sua malattia lo accompagnerà finché vivrà. Nostro compito è assicurargli una buona qualità di vita e possibilmente arrestare la malattia il più possibile.

Il senso di colpa

Spesso scatta il senso di colpa.

Flusso di coscienza. “Perché non l’ho portato da un altro veterinario? Perché non ho insistito? Perché… Perché ero in buona fede e mi sono affidata al professionista di turno. Erano due, hanno detto la stessa cosa. Non mi hanno mai deluso. E poi, faceva davvero troppo caldo già alle 9 del mattino, l’auto bollente, non un briciolo di ombra nei parcheggi del veterinario. Ero stanca.”

Tutti questi dubbi sono esplosi quando il veterinario di campagna, alla richiesta dell’oncologo di fare un esame specifico, ci ha detto che Dante era spacciato. (Ma il cane non è al centro di tutto?! ndr). Flusso di coscienza. “È spacciato perché tu veterinario di campagna non ti sei accorto subito che il ponfino si sarebbe trasformato in ponfone di merda? Se fossi stato scrupoloso forse oggi… “

Ci è arrivata anche una replica in medichese ma l’abbiamo archiviata (tradotto liberamente dal medichese…il mastocitoma se provocato si scatena e diventa più grande e nocivo) perché del passato non ci importa più niente. Se l’estate fosse stata piovosa invece che bollente, se Dante avesse avuto altri sintomi, se qualcuno dei due veterinari ci avesse messo la pulce nell’orecchio, se entrambi fossero stati meno sciatti nella loro valutazione forse... Con i se non si va da nessuna parte. Guardiamo avanti.

Dante ronfa beato in braccio al suo umano, un momento molto atteso perché si sente protetto e confortato.

Escalation della sfiga

La nostra esperienza è continuamente costellata da episodi grotteschi. Quando ci chiedono cosa ha il cane diciamo la verità. All’inizio eravamo restii (sono fatti nostri!) ma poi abbiamo accettato che Dante è un cane malato e così lo diciamo “Dante ha un tumore grave, non operabile al momento … ” Spesso veniamo interrotti e scatta l’escalation a chi ha avuto la sfiga più grande.

Flusso di coscienza. “Ah! il mio è morto” “Ah la mia bulla ha 80 punti”, “Ah il mio beagle dopo un anno di chemioterapia casalinga vomitava sangue ed è morto”. All’inizio eravamo scioccati. Non si dicono queste cose a chi si sta impegnando molto nel salvare un proprio caro. Non si sta parlando di un’entità astratta o di un lontano ricordo. Si sta parlando del nostro cane. Poi con il tempo, consapevoli che la gente spesso è in imbarazzo e non sa come gestire il dolore altrui, dice la prima cosa che gli passa per la testa. Spesso senza cattiveria. Allora sorridiamo e andiamo via che a sentir di sfighe anche no.

Ciao 2022

Questo post amaro saluta il 2022. Dante è stazionario, non parla quindi non sappiamo se ha dolori o se sta soffrendo in silenzio. La nuova cura è il Masivet 150 che verrà portato ad un dosaggio più basso per consentire a Dante di fermare la malattia e di tenersi buoni ed a livello i globuli bianchi. Noi stiamo facendo del nostro meglio. Siamo prudenti e ragionevoli. Questo è il nostro augurio per il 2023. Siate prudenti e ragionevoli con il vostro Bouledogue, valutate attentamente allevamenti e veterinari, confrontatevi con persone serie e disponibili al confronto. E non accettate mai la sciatteria.

Pubblicità

Mastocitoma cutaneo del cane

Mastocitoma cutaneo nel cane
Dante riposa con il mastocitoma cutaneo medicato e protetta.

Questo articolo viene continuamente aggiornato in fondo all’articolo.

Dante ha un mastocitoma cutaneo, aggressivo, localizzato nella parte alta della zampa. Al momento il mastocitoma non è operabile perché ha già coinvolto il linfonodo della gamba. Dante è seguito dall’oncologo veterinario e dal suo staff in una clinica veterinaria di Mestre. Per arrestare l’evoluzione della malattia Dante ha iniziato la chemioterapia, viene medicato più volte al giorno alla zampa, gli diamo tutte le medicine prescritte dall’oncologo.

È un brutto momento ma Dante è davvero il cane più buono del mondo. Non si lamenta mai, gli proponiamo di fare le solite passeggiate e lui spesso accetta, ha appetito e fa i suoi soliti ronfini.

Dante è il Bouledogue Francese più buono al mondo.
Dante con il calzettino colorato per proteggere il mastocitoma cutaneo. Qui era vestito a tema per Halloween e non sapevamo ancora l’entità della malattia. Fare prima tutti gli esami diagnostici e solo dopo valutare la chirurgia.

Cosa è il mastocitoma cutaneo?

Il mastocitoma cutaneo è una condizione della pelle in cui si sviluppano delle massette di cellule chiamate mastociti. Queste cellule sono normalmente presenti nella cute e hanno diverse funzioni, tra cui quella di difendere l’organismo dagli agenti esterni. Nel caso del mastocitoma cutaneo, però, queste cellule proliferano in maniera anomala e formano delle piccole tumefazioni rosse o marroni che assomigliano a dei piccoli ponfi. Questa condizione è benigna ma può causare prurito e fastidio. 

Come ci siamo accorti del mastocitoma cutaneo?

Dante aveva un piccolo ponfino sulla zampa, immobile da tre anni, é sempre monitorato dal veterinario. Poi, questa estate il ponfino ha iniziato a dargli fastidio e lo mordicchiava. Il campanello d’allarme è stata la non cicatrizzazione definitiva del ponfino. Guariva, poi ricaduta. Solo allora, con una chiara motivazione oggettiva, il ponfino diventato ponfo, il veterinario ha proposto la biopsia ed in seguito la colorazione del campione. Entrambi questi esami sono stati affidati ad un laboratorio veterinario esterno. Dante è stato a digiuno, con una leggera sedazione.

Quali sono gli esami previsti

Per la diagnosi del mastocitoma cutaneo è necessario eseguire una biopsia della massa cutanea. Questo esame consiste nel prelievo di un piccolo campione di tessuto da analizzare al microscopio. In alcuni casi può essere necessario eseguire ulteriori test, come la colorazione, in seguito un’analisi completa del sangue, una radiografia, per escludere altre condizioni della pelle che possono causare sintomi simili. 

Che cosa è la stadiazione

La stadiazione del mastocitoma cutaneo maligno è un processo che viene utilizzato per determinare la dimensione e l’estensione della massa cutanea. Questo processo viene eseguito utilizzando una scala chiamata “Sistema T”. Il sistema T viene utilizzato per misurare le dimensioni della massa cutanea e per determinare se la massa si è diffusa ad altre parti del corpo. 

La scelta dell’oncologo chirurgo veterinario

Dopo aver appurato che il ponfo è un mastocitoma cutaneo maligno con presenza di cellule tumorali, ci siamo confrontati con il nostro veterinario per la scelta dell’oncologo e della struttura veterinaria adatta alle esigenze di Dante. Nel dispiacere di dover affrontare una situazione dolorosa siamo fortunati perché nel raggio di 50 Km abbiamo delle cliniche veterinarie all’avanguardia. Ne abbiamo visitate tre.

L’oncologo che abbiamo scelto è stata la risultante di tre opzioni. Abbiamo scartato i veterinari che non ci avevano trasmesso empatia, cordialità, profonda conoscenza della malattia. Dante è in cura da un chirurgo veterinario specializzato in oncologia veterinaria. È stato molto chiaro: per darvi la cura migliore devo sapere esattamente lo stato di salute di Dante. Da cui sono seguite: prelievo del sangue, TAC, esami specifici ai linfonodi.

Dante rincoglionito dopo aver fatto tutti gli esami previsti dalla stadiazione che prevede anche la sedazione completa a cura dell'anestesista
Dante rintronato dopo gli esami previsti dalla stadiazione che prevede la sedazione totale.

Le cure oncologiche del cane

Dante ha un mastocitoma cutaneo aggressivo che, in neppure un mese e mezzo ha coinvolto anche un linfonodo. Dalla TAC si vedono anche due piccole macchie sui polmoni. A questo punto la cura migliore è la chemioterapia. Un ciclo classico prevede 8 sedute via endovena, con sedazione perché Dante non è collaborativo se gli si toccano le zampe. Non è un ciclo semplice da affrontare ma lo faremo ogni volta che l’oncologo ci darà il via libera. Esami del sangue poi check dei globuli bianchi. Se Dante sarà in grado di sopportare ogni seduta di chemioterapia noi gliela faremo fare. Alcuni mastocitomi cutanei possono essere trattati con cure sperimentali. Questi trattamenti però sono ancora in fase di sperimentazione e non sono ancora stati approvati dalla FDA. Escludiamo però l’accanimento terapeutico.

Aggiornamenti al 17 novembre 2022

Dante ha fatto la prima seduta di chemioterapia la scorsa settimana e tutto si è svolto bene. In seguito non ha avuto diarrea, vomito, nausea. Dante però è fiacco e purtroppo si è grattato un occhio per il prurito (la malattia scatena prurito) ed ha una lesione alla cornea. Lo abbiamo oportato dall’oculista veterinario perché, per suo stato oncologico, è opportuno andare da chi tratta la materia in modo approfondito. Infatti, stiamo seguiamo scrupolosamente una terapia di tre colliri. Dante porta sempre il collare elisabettiano e per facilitare la guarigione stiamo riducendo il cortisone. Domani, se gli esami del sangue lo consentiranno, farà una seconda chemioterapia.

Nel frattempo, in questa settimana, il mastocitoma cutaneo sta andando in necrosi e questo significa che le cellule tumorali vengono uccise dal farmaco usato per la chemioterapia (vinblastina).

Aggiornamenti al 23 novembre 2022

Dante ha potuto fare la seconda seduta di chemioterapia dopo 15 giorni dalla prima. Purtroppo il livello dei globuli bianchi era troppo basso in seguito alla prima somministrazione del farmaco. Così lo scorso venerdì ha fatto la seconda chemio con sedazione. Non ha avuto problemi come nausea, vomito, diarrea. Il ponfone continua a necrotizzarsi, speriamo sia un bene, perché medicarlo risulta davvero penoso. Puzza tantissimo. Giovedì sentiremo l’oncologo per programmare la terza seduta.

La lesione alla cornea è in miglioramento. Torneremo il 7 dicembre dal veterinario oculista per un nuovo controllo.

Mastocitoma cutaneo. Dante provato con brividi di freddo dopo la prima chemioterapia.
Dante provato, con brividi di freddo, dopo la prima chemioterapia.

Aggiornamenti al 9 dicembre 2022

Dante non ha fatto la terza seduta di chemioterapia per due motivi. Il primo è che purtroppo il farmaco utilizzato non è stato efficace come da valutazione dell’oncologo. Ha mandato in necrosi il ponfone ma non ha arrestato la malattia. Il linfonodo della gamba è ancora grosso e non si è ridotto, purtroppo l’estensione del ponfone è aumentata. La buona notizia è che la lesione all’occhio è in via di guarigione. Sono stati fatti nuovi esami del sangue, delle urine ed esami al fegato per verificare se Dante può seguire un’altra strada che presenta effetti collaterali. Lunedì 12 dicembre sapremo se Dante potrà prendere a casa il farmaco Masivet, utilizzato per il trattamento dei tumori di carattere grave (grado 2 o 3) e che non possono essere rimossi chirurgicamente. Si tratta di un trattamento altamente mirato progettato per agire in modo specifico e selettivo sui principali percorsi biologici che causano la crescita e la diffusione dei mastociti. E sotto attenta valutazione dell’oncologo.

Aggiornamenti al 3 gennaio 2023

Dante sta assumendo il farmaco Masivet 150 da lunedì 12 dicembre. Il farmaco deve essere maneggiato dagli umani con molta cautela e con preso in mano con un guanto di gomma per evitare contaminazioni. Il mastocitoma cutaneo sta regredendo, la ferita si sta rimarginando, sanguina sempre meno e non puzza più. Di contro il farmaco è potente e indebolisce costantemente i globuli bianchi per cui l’andamento è monitorato settimanalmente.

Su consiglio dell’oncologo il medicinale è stato ordinato e prontamente spedito alla farmacia galenica di Bibbiano per la manipolazione del Masivet in modo da ridurre il dosaggio.

Dante fiero nonostante il mastocitoma cutaneo
Dante fiero nonostante il mastocitoma cutaneo

Aggiornamenti del 17 gennaio 2023

Dante ha fatto un nuovo controllo settimanale per monitorare il mastocitoma cutaneo, esami del sangue e del fegato. Il mastocitoma si sta riducendo di volume e l’ulcera si sta cicatrizzando. È stato tolto anche l’antibiotico a scopo preventivo. Purtroppo però il livello dei globuli bianchi è sempre basso e per questo motivo Dante deve essere monitorato attentamente. Una banale ferita può essere fonte di infezione. Il medicinale Masivet è la principale causa di questo abbassamento repentino di globuli bianchi ed in generale il tumore e le cure oncologiche stanno mettendo a dura prova il sistema immunitario. È comparso anche prurito e perdita di pelo massiccia. È stato necessario fare una visita dermatologica che ha diagnosticato la malassenzia, un lievito che è presente nell’organismo ma che in situazione di stress compare e da molto fastidio. Per fortuna il fegato regge bene e pertanto è possibile continuare con il Masivet e iniziare una cura per bocca e spray per la malassenzia.

Aggiornamenti del 20 gennaio 2023

Dante ha fatto l’ultima visita dall’oculista e l’ulcera all’occhio è guarita.

Aggiornamenti del 23 gennaio 2023

Dante ha fatto un nuovo controllo dei globuli bianchi ed una visita dermatologica perché sta perdendo tanto pelo e si mordicchia le zampine. Purtroppo, essendo i globuli bianchi drasticamente ridotti, il fungo malassenzia lo ha colpito con prurito e rossore. Seguirà una terapia adeguata. Il ponfone di merda ha ripreso a gonfiarsi.

Dante ossessionato dal cibo

Aggiornamento del 30 gennaio 2023

Dante ha fatto un nuovo controllo e purtroppo dovrà abbandonare il Masivet 150 riformulato perché non funziona adeguatamente e la malattia ha ripreso con vigore la sua forza distruttrice. Al posto del Masivet 150 l’oncologo ha prescritto il Palladia. Deve esserci un periodo di transizione di una settimana.

Aggiornamento del 2 febbraio 2023

Dante è senza Masivet 150 da qualche giorno e la situazione è precipitata rapidamente.

Aggiornamento del 5 febbraio 2023

Dante ha iniziato a prendere il Palladia a giorni alterni. Il mastocitoma cutaneo è esploso.

Aggiornamento del 10 febbraio 2023

Dante ha fatto un nuovo controllo e purtroppo il ponfone è difficile da medicare. Le analisi sono buone ma il dolore è tanto. Viene prescritto un potente antidolorifico. Dante cammina lentamente.

Aggiornamento del 14 febbraio 2023

Dante non tollera bene il nuovo farmaco ed è necessario associare un antinausea.

Aggiornamento del 18 febbraio 2023

Dante è molto sofferente.

Uno delle ultime foto di Dante. Molto provato dalla malattia, il viso scavato, gli occhioni grandi e la fasciatura oramai enorme... Impossibile trovare una buona posizione per dormire in santa pace!
Uno delle ultime foto di Dante. Molto provato dalla malattia, il viso scavato, gli occhioni grandi e la fasciatura oramai enorme… Impossibile trovare una buona posizione per dormire in santa pace!

Aggiornamento del 20 febbraio 2023

Dante ci ha lasciato la mattina del 20 febbraio. Purtroppo la situazione è precipitata, le medicazioni del mastocitoma cutaneo ingestibili. Abbiamo dovuto addormentare Dante per sempre. Abbiamo fatto tutto il possibile e nelle nostre capacità per tenere con noi Dante il più a lungo possibile. Dante è stato un cane fantastico, amatissimo. Ci mancherà molto. Ciao Dante!

Pubblicità

Cucciolo di Bulldog Francese, cosa serve davvero? La nostra guida.

Cucciolo di Bulldog Francese, cosa serve davvero? La nostra guida.
Cucciolo di Bulldog Francese, cosa serve davvero? La nostra guida.

Cucciolo di Bulldog Francese, di cosa ha davvero bisogno?

In questo articolo trovi elencato solo l’indispensabile, ciò che serve davvero per accogliere al meglio il tuo cucciolo di Bulldog Francese. All’inizio abbiamo fatto degli errori, ci è scappata la mano con acquisti sbagliati, presi dalla gioia e l’euforia dell’arrivo di Dante e Mia. Per questo, e per rispondere ai tanti di voi che ci chiedono ancora oggi chiarimenti, abbiamo creato questa guida per l’arrivo del cucciolo.

In cima alla lista però ci sono tre cose che non si possono comprare. Devi averle tu, dentro di te e donare al tuo nuovo compagno di vita. Sono Amore, Pazienza e Consapevolezza. Ricordale sempre, soprattutto quando capiteranno degli imprevisti e quando il tuo cucciolo non capirà subito i tuoi comandi. Buona lettura!

Cucciolo di Bulldog Francese: cibo, ciotole e snack

  • Procurati le stesse crocchette per cucciolo che ha utilizzato l’allevatore. In tenera età è fortemente sconsigliato cambiare repentinamente la tipologia di cibo.
  • Procurati anche degli snack per gli esercizi di educazione (noi usiamo le abituali crocchette) come premio per il rinforzo positivo (ad esempio quando farà i bisognini sulla traversina igienica).
  • Ti consigliamo di acquistare una volta e per sempre un supporto con 2 ciotole in acciaio regolabile in altezza. Così il tuo Bulldog Francese potrà mangiare e bere comodamente. Ricorda: il Bulldog Francese è noto anche per mangiare voracemente :-).
  • Regolare l’altezza delle ciotole faciliterai i suoi pasti. Il tuo bullo manterrà una postura ‘ben piantata a terra’ senza dover piegare troppo il testone. Inoltre, regola l’altezza ottimale della ciotola man mano che si farà alto, così riduci il rischio che qualcosa gli vada di traverso. Le ciotole rialzate per cani in acciaio inossidabile sono igieniche, facili da lavare, anti-rovescio e indistruttibili. Eccole qui:

Cosa serve davvero al Cucciolo Bulldog Francese? Supporto per ciotole acciaio
Supporto per doppia ciotola: cibo e acqua sempre fresca. Il supporto è molto resistente, le ciotole sono in acciaio. Si compra una volta e dura per sempre.

Cucciolo di Bulldog Francese: cura ed igiene

Il cucciolo, essendo tale, ha la necessità di fare i bisognini ogni 3 / 4 ore. Per conciliare lavoro, bisognini del cucciolo e l’igiene in casa, per le prime settimane ti consigliamo delle traversine igieniche per cani per poi passare a dei tappetini igienici lavabili super resistenti. Qui sotto le varianti in base all’utilizzo e alle dimensioni:

  • Il tappetino igienico lavabile è una  soluzione è ecologica ed economica. Non compri più traversine per cani usa e getta, non riempi più il bidone del secco. Al massimo ti suggeriamo di comprare due tappetini lavabili per avere sempre il ricambio! In caso di emergenza e, fino ai 4 mesi, puoi utilizzare anche i classici fogli di giornale ma poi dovrai abbandonarli. I fogli di giornale, così come le traversine igieniche usa e getta verranno morsicate, rosicchiate, fatte a brandelli con la possibilità di essere anche ingoiate. Gli educatori cinofili sconsigliano qualsiasi tipo di traversina ma a noi, lavoratori fuori casa, hanno facilitato la vita semplificando le operazioni di pulizia. Poi, con tanta pazienza e rinforzi positivi nel tempo, i nostri bulli hanno imparato perfettamente a tenersi la pipì durante tutta la notte, in nostra assenza ed a farla sempre sull’erba.
  • Ricordati di avere sempre a portare di mano dei sacchetti igienici per la raccolta pupù. Noi abbiamo scelto i Pogi resistenti e biodegradabili di cui hai abbiamo scritto la recensione. Scegli quello che fa per te. Noi avendo due Bouledogue abbiamo preso la confezione da 50 🙂

  • Acquista dei prodotti per la pulizia della casa privi di ammoniaca (l’ammoniaca scatena la pipì del cucciolo). I neutralizzatori di odori non ci sono stati utili. Ad esempio

  • Procurati un disinfettante specifico per animali domestici per uso topico con clorexidina di gluconato al 4%. È da usare con attenzione, ad esempio per leggere lesioni interdigitali alle zampe (ne basta uno spruzzo, una volta al giorno, in caso di effettiva necessità). Da non usare ovviamente su mucose e occhi. In alternative le salviettine da passare sulle zampe (no occhi, bocca, naso, orecchi, parti intime). Se hai dubbi, noti che il bullo si lecca o mordicchia sistematicamente le zampe  rivolgiti al tuo veterinario di fiducia per una terapia adatta.

      • Per la pulizia delle orecchie del cane e, la prevenzione delle otiti ceruminose del tuo bullo, è utile avere una lozione micellare naturale specifica.

    • Fondamentale una comoda cuccia dove il tuo cucciolo si possa sentire protetto. Ad esempio una di queste potrebbe fare al caso tuo e ricordati le copertine!

    • Fondamentale avere un recinto per cuccioli, per evitare che il cucciolo entri in zone vietate. Ancora oggi per noi è davvero una manna dal cielo, utile a dir poco! Il recinto è fondamentale perché è diventata la loro tana, la loro camera da letto, il loro rifugio. Per noi è molto utile anche quando dobbiamo pulire casa oppure quando Mia è in calore o se uno dei due non sta bene.
Recinto per i nostri Bulldog Francese. Funge da “camera da letto”, da tana. Utile nei giorni di convalescenza o quando puliamo a fondo la casa.

Assolutamente da avere per l’auto un trasportino rigido per cani calcolato per le dimensioni da adulto in modo da permettere al cane di rimanere in piedi e girare su se stesso. Avendo due Bouledogue abbiamo preferito una gabbia zincata per cani, resistente, areata, che fa anche da cuccia quando puliamo il recinto e in casa i pavimenti sono bagnati. Recentemente abbiamo acquistato anche un telo per l’auto per proteggere l’abitacolo.

Area Cani con il Bulldog Francese. Come comportarsi? Una guida
Dante e Mia pronti a scendere dalla gabbia trasportino in auto.

Cucciolo di Bulldog Francese: abbigliamento e giochi

    • Indispensabile un collare regolabile e un guinzaglio fisso. Sono sconsigliati il collare a strozzo, il guinzaglio estensibile e la pettorina (a meno che non cammini già senza tirare, nel qual caso è preferibile il modello ad H).

    Ad esempio questo della Hunter disponibile in tanti colori e dimensioni:

    • Il cappottino per cani è fortemente consigliato per i cuccioli per proteggerli dagli sbalzi di temperatura.

    • Procurati dei giocattoli come delle palline, delle trecce in corda, ottimi i giochi di attivazione mentale. Vietati i giochi in legno (rischia di ingerire le schegge) e sonori.

  • Corna di cervo o di daino per passare il tempo rosicchiando e per lenire i dolori e la sofferenza della dentizione. Il tuo arredamento ringrazierà!

Find the Frenchie!
Scritto perché provato

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Recinto per cani da interno. La nostra esperienza e i nostri consigli!

La tua casa è a prova di cucciolo? Scopri ora!

Cucciolo di Bouledogue Francese. Come sceglierlo ed evitare le fregature!

Bouledogue Francese maschio o femmina? Il confronto!

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Educazione del Cucciolo

Educazione del cucciolo di Bouledogue Francese. Esperienze e consigli
Educazione del cucciolo di Bouledogue Francese. Esperienze e consigli

Un cucciolo senza educazione sarà in futuro un Bouledogue tiranno e gli umani che vivono con lui saranno i suoi maggiordomi. Dunque, l’educazione del cucciolo è fondamentale. Il rispetto e la fiducia però si conquistano con modi gentili, pazienza, pratica&costanza. Da cuccioli, Dante e Mia, hanno fatto 10 lezioni con l’educatore cinofilo a cui sono seguite delle sessioni di socializzazione e tanta pratica a casa. Anche per questo motivo i nostri Bouledogue rispettano le regole imposte in casa, la routine e come interagire in società.

Per importi sul tuo Bouledogue dovrai essere fermo e risoluto, usare più i gesti che le parole ed essere tu il primo a rispettare le regole.

Un intenso primo piano di Mia, soldatino quando si tratta di dar seguito ai comandi

Educazione del cucciolo: controllo della situazione

Iniziamo con il comportamento.

Abbiamo scritto che dovrai essere fermo e risoluto. Cosa vuol dire? Significa che dovrai essere percepito dal tuo cane come l’umano autorevole.

Dagli errori si impara

Chiamavamo indistintamente DanteeMia e infatti nessuno dei due ci badava sul serio. Avevamo commesso due errori in un colpo solo. Il primo errore era urlare DanteeMia, il secondo ripeterlo più volte. Grazie all’addestratore abbiamo imparato che l’educazione del cucciolo deve essere impartita singolarmente e non in coppia. Dante e Mia sono due Bouledogue, distinti, con caratteristiche e caratteri diversi. Ognuno ha le sue peculialità. Il Bouledogue deve entrare in empatia con noi e viceversa, ci si deve conoscere, con pregi e difetti. E soprattutto è necessario trovare il modo di comunicare efficacemente. Ripetere più volte il nome del cane (es. Dante, Danteee, DANTE) non funziona perché il comando perde di valore ed efficacia.

Dante e Mia passeggiano con l’umana ma capiscono al volo il comando dell’umano che li sta fotografando “Vieni!”

A volte usiamo l’accoppiata Dante, vieni e per fermarlo un sonoro Stop! È fondamentale che il tuo cucciolo riconosca e identifichi il suo nome come una richiesta di massima attenzione, un vero e proprio comando. Ricordiamo ancora quando Dante venne attaccato dall’Amstaff… Il suo padrone non ne aveva minimamente il controllo.

Esercizio del richiamo

Esercizio da fare ogni giorno con il tuo Bouledogue: prima in casa (più facile), poi all’aperto dove ci sono più distrazioni. Pronuncia il suo ‘nome’ in modo secco, solo una volta mentre ti abbassi. Il tuo bullo verrà da te e tu lo premierai con una crocchetta, in seguito con una carezza, fino a che il tuo cane verrà da te con facilità senza ricevere premi ma solo perché ti considera autorevole e meritevole di attenzione. (ovviamente se lo chiami per motivi futili perderai lo status)

Zone di privilegio

Per i nostri Bouledogue il letto, il divano e il bagno sono zone di privilegio. Accedervi per loro è il massimo perché entrano nel nostro cerchio. Ovviamente l’educazione del cucciolo è fondamentale. Non si entra in bagno da soli, non si sale in autonomia sul letto o sul divano. Sono abituati a chiedere il permesso: noi li prendiamo in braccio e salgono su di noi. Se lasciassimo campo libero sul divano/letto si allargherebbero subito e noi finiremmo per terra. Queste regole non sono automatiche, ci sono costate tempo e pazienza. In un mondo ideale a tutti noi piacerebbe avere il cane oggi sul letto/divano per 3 minuti per poi scenderlo. Ma lui non capirebbe il comando. Non esiste per il Bouledogue il comando snì – oggi si sale, domani no. Oppure non si sale sul divanetto del vicino e al bar; sul nostro divano sì ma a giorni alterni. Devi stabilire una routine e dovrai essere coerente.

Bouledogue guarda piatto con salmone affumicato
Dante, da bullo educato, si avvicina al piatto di salmone ma non si avventa famelico. Sa che non gli spetta!

Un altro esempio. Dante e Mia mangiano sempre agli stessi orari due volte al giorno (con cambio alimentazione in estate per via del caldo), ciascuno ha la sua razione nella sua ciotola, non si rubano il cibo, si mangia subito tutto e non a spizzichi e bocconi.

Le regole del gioco

Recensione Palline da tennis Kong Squeak Air
Mia con la Pallina da tennis Kong Squeak Air

Il gioco e le piccole passeggiate devono essere sempre presenti nella routine del tuo Bouledogue. Certo, il Bouledogue in estate è limitato dal caldo e dovrai portarlo in passeggiata con il fresco. È importante che gioco e passeggiate ci siano sempre, per permettere il completo sfogo delle energie in accumulo e prevenire comportamenti sgraditi, generati dallo stress.

Decidi tu quando si inizia e si finisce un gioco e di non assecondare la richiesta del tuo cucciolo. Ignoralo finché non smette di insistere, per poi invitarlo tu a giocare: in questo modo gli insegni a non pretendere, a non essere prepotente, a gestire la frustrazione, la rinuncia e a rispettare la gerarchia. Certo, non tutto verrà bene al 100%. Per esempio, Dante rispetto a Mia è possessivo nei nostri confronti. Mia invece rispetto a Dante è indipendente e sempre misurata.

Gestione delle attenzioni

Se il cucciolo si approccia con educazione ben vengano le coccole e le lodi. Ma non va bene assecondarlo sempre, anzi non badarlo subito se cerca la tua attenzione. Ignoralo momentaneamente, per prevenire la morbosità nei tuoi confronti (ad esempio: se accarezziamo un altro cane o stiamo parlando con una persona). Se invece le attenzioni sono richieste tramite salti, zampate, musate, abbai, etc. meglio ignorare il cucciolo, senza parlargli o spingerlo, girando su noi stessi per farlo scendere, finché non si calma e a quel punto premiarlo con il nostro saluto.

Consigli

Un umano è autorevole agli occhi del proprio Bouledogue quando impartisce insegnamenti utili. Chiamare il cane 100 volte per scemenze non va bene. Invece, se chiami il cane per consumare i pasti il comando acquista valore ed è un rinforzo positivo (il cibo è il motore di tutto, ndr). Nel dubbio di far casino, educa il cucciolo avvalendoti dell’aiuto di un professionista. Poi però devi far pratica ogni giorno utilizzando pochi comandi ma ben detti. Ricorda, il cane non capisce l’italiano né l’inglese quindi evita monologhi 🙂 Utilizza invece lo sguardo e qualche carezza per comunicare e trasmettere protezione, dolcezza e amore. Con il tempo diventerai la sua guida, l’umano a cui prestare ascolto, perché si prende cura di lui, insegna dei comportamenti con ricompensa (cibo, carezza) e proporre attività divertenti (giochini e piccole passeggiate).

Find the Frenchie!
Scritto perché provato

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Recinto per cani da interno. La nostra esperienza e i nostri consigli!

Speciale Cappottino Bouledogue Francese. La nostra guida definitiva!

Cosa serve davvero al cucciolo di Bouledogue Francese? La nostra Guida

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Recinto per cani da interno. La nostra esperienza e i nostri consigli!

Recinto interno per cani bouledogue francese
Recinto interno per cani bouledogue francese

In questo articolo aggiornato ti raccontiamo perché utilizziamo un recinto per cani da interno per Dante e Mia, i nostri Bouledogue Francese. In rete e sui social si discute spesso se sia giusto o meno tenere il cane in un recinto. Molte persone lo considerano un maltrattamento, una privazione della libertà del cane che merita di essere libero. Di posizione completamente opposta chi reputa il recinto uno strumento educativo e utile per evitare che il cane distrugga casa, specie nel primo anno di vita.

recinto per cani

Qui di seguito trovi 4 soluzioni che si differenziano per colore (grigio o nero), misure e prezzo. Noi abbiamo scelto il secondo recinto, quello nero a forma rettangolare. In questo articolo ti spieghiamo come abbiamo fatto questa scelta.

Recinto interno per cani bouledogue francese
Recinto interno per cani bouledogue francese

L’esuberanza nel cucciolo di Bouledogue Francese

Se vedi spesso immagini di Bouledogue Francese che dormono o che stanno pacifici nelle loro cucce, bene, devi sapere che non passano tutto il tempo a sonnecchiare … soprattutto quando sono piccoli!

Come tutti i cuccioli, anche il cucciolo di Bouledogue Francese è molto attivo e te ne renderai subito conto quando lo porterai a casa. Inizierà ad esplorare l’ambiente, a mordicchiare una sedia, un mobile, le ciabatte, un cuscino e qualsiasi cosa gli capiti a tiro. Il mordicchiare, rosicchiare, addentare gli oggetti è un’attività naturale per il Bouledogue Francese. É curioso, esploratore e poi, lo farà perché avrà bisogno di lenire il dolore dovuto al cambiamento dei denti. Inoltre, armati di pazienza con il tuo cucciolo: fino a quando non gli avrai insegnato a fare i bisognini sull’erba lascerà “ricordini” in giro.

L’educazione al recinto: come evitare che il cane ne abbia paura

In alcune discussioni sui Gruppi Facebook dedicati al Bouledogue, il recinto viene descritto come uno strumento di cui il cane ha paura e nel quale non vuole stare, portandolo al pianto e anche alla disperazione. Questo accade perché il cane non è abituato ad utilizzare il recinto e si trova di punto in bianco a farlo, anche forzosamente.

Rinforzo positivo e premi al cucciolo

Se hai intenzione di utilizzare un recinto per cani, ti consigliamo di farlo in modo graduale, cercando sempre il rinforzo positivo, senza forzature. Il recinto per il cane deve diventare la sua tana ovvero il luogo dove sa che nessuno potrà disturbarlo. Come si ottiene questo risultato? Prima di tutto dovrai avere pazienza! In secondo luogo premia il cucciolo con degli snack (o qualche crocchetta che usi per i pasti) quando si trova all’interno del recinto in modo che lo associ a qualcosa di positivo. Entraci anche tu e giocaci insieme! Oppure all’interno del recinto fagli trovare il suo giochino preferito e se resta all’interno del recinto senza piangere, premialo.

Recinto per cani da interno: quale scegliere?

Nel video qui sotto puoi vedere come abbiamo allestito il recinto per Dante e Mia.

Il recinto per il tuo Bouledogue Francese deve essere solido, avere la maglia della recinzione fitta, tanto da impedire che il cucciolo ci possa infilare dentro la testa ed essere abbastanza alto per evitare che il Bouledogue Francese lo scavalchi. Non ci devono essere spuntoni o parti in metallo appuntite e sporgenti che possano ferirlo. Ovviamente non deve mancare la porta per consentire al tuo bullo di entrare o uscire dal recinto.

La nostra scelta

La nostra scelta è ricaduta su questo recinto da interno ora disponibile nelle varianti colore grigio e nero. Eccolo

Ad essere precisi ne abbiamo uniti due dello stesso modello (il primo che vedi nella gallery qui sotto) in modo da avere un’area calpestabile adeguata per Dante e Mia. Le misure del nostro recinto sono 120 cm larghezza x 155 cm di lunghezza per un’altezza di 69 cm. Nell’area del recinto trovano spazio la cuccia grande, una ciotola d’acqua e inizialmente la traversina ecologica. La qualità e la resistenza dei materiali è ottima essendo il recinto in ferro, ha resistito anche ai mordicchi di Mia cucciola. Ai lati del recinto abbiamo inserito dei pannelli di poliplat bianco per proteggere le pareti del nostro studio.

Il recinto per cani da appartamento è la soluzione ideale per proteggere casa se ti assenti per qualche ora, se hai necessità di pulire a fondo casa o se hai più di un cane e uno di questi è convalescente.

Recinto per cani da appartamento: risposte veloci

Posso lasciare il mio Bulldog francese nel recinto otto ore al giorno?
Assolutamente no! Se non hai il tempo necessario per accudire il tuo cane, dovrai farti aiutare da una persona di fiducia o da una dog sitter.

Ho lasciato il mio Bulldog francese nel recinto ma ha fatto un disastro!
Il cane va abituato in maniera graduale al recinto, va quindi lasciato al suo interno per poco tempo in modo che si abitui pian piano. Prima di lasciarlo nel recinto il tuo bullo deve sentirsi “appagato” dalle attività appena fatte, come una lunga passeggiata o una sessione di gioco. In pratica bisogna “stancarlo”.

Recinto interno per cani
Il recinto interno per cani posizionato nel nostro studio. É una soluzione molto utile per evitare che il cucciolo mordicchi gli oggetti ed i mobili di tutta casa. Inoltre sarà per il tuo bullo la sua tana.

Posso lasciare dei giochi all’interno del recinto?
Se il tuo bouledogue francese è ancora cucciolo sarebbe meglio evitare di lasciare giochini nel recinto: potrebbe ingoiare parti del gioco e soffocare. Per lo stesso motivo evita di lasciare al tuo bullo le corna di cervo o daino. Ti consigliamo di utilizzare snack e giochi sempre sotto la tua supervisione.

Se sei stato assente per un paio di ore ed il cucciolo è agitato?
Aspetta un attimo e fallo calmare. Non badarlo, non agitarti 🙂 non fare le feste, non chiamarlo urlando il suo nome o altri vezzeggiativi. Fai calmare il tuo cucciolo, parlagli con tono calmo senza agitarlo ulteriormente, una volta calmato potrai farlo uscire e premiarlo.

Pavimentazione per il recinto per cane: cosa non utilizzare.

Il recinto da interno di Dante e Mia è posizionato nel nostro studio, con la pavimentazione in parquet. Fin da subito abbiamo capito che parquet e recinto non potevano andare d’accordo. Il parquet, essendo delicato e prezioso, non è adatto ad accogliere un recinto in ferro per cani! I nostri bulli avrebbero potuto fare i bisognini o ribaltare la ciotola dell’acqua (infatti è successo…) oppure graffiare il parquet durante i loro giochi. Abbiamo quindi pensato di mettere una pavimentazione di plastica a protezione del parquet. Per la precisione il materiale scelto inizialmente è stato quello delle tovaglie lavabili, che si acquista al metro nei negozi di bricolage. Per capirsi è la pavimentazione bianca che vedi nel primo video di questo articolo. Pensavamo bastasse… Morale della favola: la scelta si è rivelata sbagliata! Il materiale non è resistente, i nostri cuccioli sono riusciti a forarla scavando con le zampine. Sembra incredibile ma è andata proprio così. Inoltre, il materiale non era neppure così impermeabile. Tutto da rifare!

Pavimentazione per il recinto per cane: usa il linoleum

Dopo varie ricerche ed altri esperimenti fallimentari (sigh!), abbiamo finalmente trovato la soluzione definitiva! Il linoleum è il pavimento del nostro recinto! Si tratta di un materiale che viene utilizzato proprio per le pavimentazioni, ha vari gradi di calpestabilità e resistenza ed si trova di diversi motivi e spessori.
Noi abbiamo scelto un motivo che richiama quello del parquet e il pavimento si mimetizza alla perfezione! Il linoleum è resistente ai giochi di Bouledogue francese, all’acqua, ai bisognini, si pulisce con la scopa elettrica, si disinfetta con acqua e detergente e non assorbe i liquidi. 

Find the Frenchie!
Scritto perché provato

Altri argomenti che potrebbero interessarti

La tua casa è a prova di cucciolo? Una lista di cose da fare prima del suo arrivo.

Cuccia per cani, quale scegliere? Leggi subito la nostra Guida!

Recensione Petzolla prato vero in casa. Utilissimo per il cucciolo

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa gli serve davvero? La nostra Guida

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Razza Bouledogue Francese: facciamo chiarezza.

Razza Bouledogue Francese: facciamo chiarezza. Find The Frenchie
Dante e Mia, i nostri amatissimi esemplari della razza Bouledogue Francese

In questo lungo articolo torniamo a parlare dello standard di razza Bouledogue Francese, sfatando alcuni miti e sull’importanza di affidarsi ad allevatori seri. Purtroppo, in queste ultime settimane, abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte di utenti che hanno subito dei raggiri e, a volte, vere e proprie truffe riguardo l’acquisto di un (simil) Bouledogue Francese. Inoltre, ci sono pervenute richieste di supporto da privati sulla gestione dei cuccioli fatti nascere in casa senza essere allevatori.

Allevamento De Valoisse Denise
Denise De Valoisse Campionessa di bellezza San Marino, Ungheria e Romania. Parenti: Int Ch FILIBERT DE LA VALLEE DE L’IROISE e CH Josephine De Valoisse

Prima di iniziare la lettura

Find The Frenchie è un magazine online non un allevamento di Bouledogue Francese. Nasce con lo scopo di creare consapevolezza nei confronti di chi come te si sta avvicinando a questa razza canina. Condividiamo la nostra vita bullosa, le esperienze di Esposizioni Cinofile, il confronto con esperti professionisti del settore (allevatori, veterinari, nutrizionisti, farmacisti) in modo che il nostro know how possa facilitare la tua conoscenza sulla razza, valutandone i pro e i contro.

Pensi di acquistare un Bouledogue Francese ma ti spaventa solo l’idea di proseguire la lettura di questo articolo? Non sei interessato ad approfondire l’argomento perché credi che in fondo un Bouledogue è un cane come un altro? Se hai risposto di sì ad entrambe le domande dovresti lasciar perdere. A nostro avviso non sei ancora pronto per portare nella tua vita un Bouledogue.

Razza Bouledogue Francese: la selezione come valore fondamentale per la salute del cane

Il Bouledogue Francese è una razza canina riconosciuta. Cosa vuol dire questo? Che risponde ad uno standard che ne elenca le caratteristiche. Lo standard è definito dalla F.C.I. (Fédération Cynologique Internationale) ovvero: Gruppo 9 Cani da compagnia Sezione 11, Piccoli Molossoidi Senza prova di lavoro.

Il Pedigree per un cane di razza non è un optional

Il pedigree in un cane di razza non è una scelta. Spesso gli utenti cercano un Bouledogue Francese senza pedigree perché vogliono spendere poco oppure perché non hanno intenzione di partecipare ad esposizioni canine ENCI. In questi casi il pedigree viene considerato un pezzo di carta inutile. Niente di più sbagliato.
Prima cosa: non è il pedigree a determinare il prezzo del cane. Il pedigree, rilasciato solo ed esclusivamente dall’ENCI (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana), è un documento fondamentale perché illustra la genealogia del cane e gli esami a cui è stato sottoposto.

In sintesi

Un cane di razza Bouledogue Francese è solo con pedigree ENCI o FCI. Stai per essere raggirato se:

  1. Ti sono state proposte altre tipologie di pedigree, con denominazioni differenti a ENCI o FCI
  2. Ti è stato chiesto di concludere l’acquisto del cane con o senza pedigree con costi differenti

Per approfondimenti su Pedigree e le caratteristiche del Bouledogue:

Clicca > Pedigree Bouledogue Francese. La guida.
Clicca > Caratteristiche Bouledogue Francese. La guida

La differenza tra commerciante e allevatore di Bouledogue Francese

Molte persone si lasciano intenerire dalle immagini dei cuccioli di Bouledogue. É davvero facile innamorarsene e avere il desiderio di portarseli a casa il prima possibile. I commercianti lo sanno benissimo e sfruttano questa forte componente emotiva per vendere cuccioli in batteria. Il commerciante ha tutto l’interesse di venderli velocemente e di incassare subito il denaro per trarre massimo profitto. Il commerciante non presta attenzione alla selezione dei genitori. Anzi, è solito importare i cuccioli razza Bouledogue Francese  dall’estero per contenere i costi. Questo piano diabolico porta allo sfruttamento delle Bouledogue-fattrici e arreca forte stress al cucciolo che, strappato troppo presto dalla madre, porterà con sé problemi di salute e di comportamento.

L’allevatore serio invece non vende i suoi cuccioli a chiunque, indistintamente, tanto meno tramite telefono o su siti di annunci compro/vendo. Prima deve conoscere e valutare i possibili acquirenti e verificare che abbiano la giusta consapevolezza per garantire al cucciolo una vita serena e felice. Gli allevatori seri non hanno cuccioli sempre disponibili e rispettano le loro fattrici.

In sintesi

Conosci davvero chi ti sta vendendo il cucciolo? Sai come lo alleva? Cosa sai sui genitori del tuo cane e dei test di salute che ha fatto? Non farti prendere dall’entusiasmo di avere un cucciolo e basta, quest’ultimo crescerà e potrebbe manifestare patologie o disturbi che dovrai gestire al meglio. Informati sempre in maniera scrupolosa.

Abbiamo già scritto degli articoli di approfondimento che ti invitiamo a leggere. Meglio investire del tempo nell’informazione ora che pentirsene quando è troppo tardi. Purtroppo, esistono anche i rescue razza Bouledogue Francese e abbiamo notizie che sono affollati. I loro padroni si sono rivelati incapaci di gestirli o perché affetti da malattie.

Approfondimento: clicca > Commerciante e allevatore: le differenze

Razza Bouledogue Francese: facciamo chiarezza. Find The Frenchie Mia
La nostra Mia in tutto il suo splendore! Compatta, testa quadrata, orecchi ben distanziati, zampe in appoggio parallele.

Bouledogue Francese Blu, Merle, Chocolate: i così detti colori esotici

Sfatiamo anche questo mito. I così detti Bouleodgue esotici, sono una invenzione dei commercianti di cani per creare un “prodotto” da spacciare come raro ed esclusivo quando in realtà non lo è. Intanto i cani con questa colorazione non sono Bouledogue Francese, non dovrebbero neppure essere chiamati in questo modo, ma ancora una volta i commercianti sfruttano l’ignoranza sul tema delle persone per poter rifilare questi cuccioli, spesso incrociati con altre razze per ottenere manti differenti, importandoli.

In sintesi

Un Bouledogue (e qualsiasi altra bestiola di razza) non è una moda e non si sceglie per colore o per rarità. Diffida sempre da chi ti propone tali esemplari e che ti raggira sventolando garanzie fittizie, carta straccia e parole al vento.

Approfondimenti:

clicca > Bouledogue Francese Blu: come riconoscere il commerciante di cani
clicca > La storia di Federica e della sua disavventura
clicca > Perché dobbiamo dire No ai colori rari (blu, merle, esotico)?

Dove si acquista un cucciolo di Bouledogue Francese?

Un cucciolo di razza Bouledogue Francese si acquista solo in un allevamento ENCI. Informati sulle caratteristiche della razza e, dopo aver verificato che le sue peculiarità sono idonee al tuo stile di vita, ricerca e visita più di un allevamento ENCI.

Il cucciolo di razza Bouledogue Francese non si acquista sul web, non viene consegnato a casa, in aeroporto, in stazione o in autostrada fidandosi solo delle parole di chi sul web ti propone il cane e poi sparisce. Pensi che questo non succeda? E invece purtroppo sì. Ce lo scrivono tanti utenti per poi chiederci come possono rimediare e se è possibile denunciare il fatto.

In sintesi

Un cucciolo non è un pacco, è una vita che cresce con te, con la tua famiglia e che ti accompagnerà per almeno 10/12 anni (spesso molto meno per cani affetti da patologie). É quindi molto importante la scelta dell’allevatore, di colui che segue il cucciolo fin dalla sua nascita e che sarà disponibile ad ascoltarti se avrai qualche dubbio o necessità di supporto. Se hai fatto una buona scelta l’allevatore diventerà un tuo amico fidato, lo stesso chiaramente non si può dire del commerciante che sparirà appena venduto il cane.

Approfondimenti:

Clicca > Guida all’acquisto del Bouledogue Francese: come evitare fregature
Clicca > Cuccioli di Bouledogue Francese: cosa serve davvero

Dante in punta e di profilo.
Dante in punta e di profilo.

Improvvisarsi allevatori di Bouledogue Francese: come rovinare la razza e non solo

Una delle domande che ci vengono fatte più spesso è la razza Bouledogue Francese è delicata? Molte persone ci raccontano la loro esperienza, o quella dei propri amici, riportando esperienze “negative” per le patologie riscontrate o le malattie contratte. Andando a fondo delle singole questioni spesso risultava che tali cani in realtà non erano di razza ma di dubbia provenienza (il più delle volte importati e con età inferiore rispetto a quella dichiarata).

Se viene fatto un buon lavoro di selezione il Bouledogue Francese non è problematico e non presenta particolari problemi rispetto ad altre razze (a parte l’essere brachicefalo).
Per non parlare dell’equazione ho un Bouledogue Francese maschio, cerco fidanzatina per fare tanti cuccioli rischia di essere estremamente deleteria se non fatta in maniera consapevole. Stessa cosa parlando di gestione di cucciolate, non ci si può improvvisare!

In sintesi: allevatori non ci si improvvisa, non si fanno cuccioli senza le dovute conoscenze e il supporto continuo di un veterinario (tra l’altro esperto conoscitore dei molossi). Tali pratiche sono estremamente complesse, dalla scelta dei giusti esemplari, dal pre e post parto, al rimettere in salute la Bouledogue-fattrice. Spesso chi ci rimette solo “solo” i cuccioli o mamma Bulla e si attribuisce alla sfortuna la loro morte.

I cani non si acquistano! Si prendono in canile…

Quando si tratta di cani di razza c’è sempre più di una persona che inneggia all’immoralità di acquistare un cane.
A queste persone rispondiamo che siamo i primi a sostenere (anche economicamente enti come l’ENPA) e a elogiare e supportare i volontari che ne fanno parte. Ma chiediamoci anche perché i canili sono pieni di cani abbandonati. Spesso lo sono perché chi ha cani non si prende cura di loro (ad esempio non li vaccina annualmente, non li sterilizza se necessario) o perché non è in grado di gestire un cane (ad esempio con la nascita di un bambino o in caso di un cambio di residenza ecc.). Avere un cane che sia di razza o meno è una grande responsabilità! Siamo chiamati a garantire il meglio a queste creature, così come faremmo con qualsiasi componente della nostra famiglia.

Perché noi abbiamo scelto la razza Bouledogue Francese

Abbiamo scelto la razza Bouledogue Francese perché siamo in perfetta armonia con i nostri Dante e Mia. Una gran sintonia che, chi ama ed accetta questa razza per le sue peculiarità, può ben comprendere. Per i loro atteggiamenti, per il loro carattere, per il modo in cui riescono a farsi capire. Dante e Mia sono entrati a pieno titolo nella nostra famiglia.

Approfondimento: clicca > Le abitudini del Bouledogue Francese da copiare subito.

Find the Frenchie!
Scritto con il cuore

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Cane al ristorante? Ecco cosa dice la legge

Cucciolo di Bulldog Francese, cosa serve davvero? La nostra Guida!

In Area Cani con il Bulldog Francese: come comportarsi? Leggi ora!

Speciale Cappottino Bulldog Francese. La nostra Guida!

Se vuoi metterti in contatto con noi o raccontarci la tua storia scrivi a info@findthefrenchie.com oppure unisciti alla nostra pagina Facebook.

Find The Frenchie!

Pubblicità

Alimentazione del cucciolo

Alimentazione del cucciolo_Bulldog Francee - Find the Frenchie
Utilizza sempre la bilancia per avere il controllo della grammatura. Non andare a caso: gioverà alla crescita corretta del cucciolo

Alimentazione del cucciolo di Bouledogue Francese.

Il tema dell’Alimentazione del cucciolo di Bouledogue Francese è uno dei più richiesti sulla nostra FanPage ed anche uno dei temi più spinosi perché ogni cucciolo è a se stante, con la sua piccola grande storia alimentare alle spalle. In questo articolo ti riportiamo la nostra esperienza con Dante e Mia, i nostri Bouledogue Francese, e ti daremo alcuni consigli di base sull’alimentazione del cucciolo. Buona lettura!

Alimentazione del cucciolo: nozioni di base

Per una serena convivenza con il tuo Bulldog Francese ti consigliamo di abituarlo fin da piccolo a mangiare a orari prestabiliti. In linea generale i pasti consigliati sono 3 fino ai 6 mesi per poi passare a 2, preferibilmente di mattina e di sera, così da consentirgli una digestione corretta. L’alimentazione del cucciolo che ci sentiamo di consigliarti è quella secca, di qualità, per noi la soluzione più pratica, veloce e che garantisce l’apporto nutrizionale di cui ha bisogno il cucciolo ed in futuro il cane adulto. La crocchetta è un alimento per cani completo, bilanciato in tutti i valori nutrizionali. La cosa importante quando si deve valutare la crocchetta per il proprio Bouledogue è saper leggere correttamente l’etichetta riportata sul retro della confezione in modo da scegliere consapevolmente quello che si da da mangiare al proprio cane, liberi da condizionamenti pubblicitari, mode e scelte dettate dal prezzo. Ti diamo un piccolo consiglio: ricordati di aggiungere nella ciotola del tuo cucciolo una tazzina di acqua a temperatura ambiente in modo da inumidire le crocchette. Il tuo bullo lo apprezzerà! Poi, dopo il pasto, abitualo a rimanere tranquillo nelle seguenti 2-3 ore, evitando le corse e le richieste di gioco.

Alimentazione del cucciolo_Bulldog Francee - Find the Frenchie

Procurati due ciotole con supporto e regolabili così faciliti al cucciolo il pasto e di abbeverarsi senza piegarsi con il capo, spostare la ciotola e bagnare a terra. Ad esempio guarda questi modelli su Amazon.it

La tabella nutrizionale

Lo ammettiamo. All’inizio non capivamo come leggere la tabella nutrizionale delle crocchette. Non capivamo proprio quale fosse la razione giornaliera né tantomeno la razione in grammi di un pasto. Di conseguenza ci siamo fatti dare una mano dall’allevatrice che prima ci ha dato ragguagli, ed in seguito, nel momento di portare a casa i cuccioli, ci ha regalato una confezione delle stesse crocchette che aveva somministrato fino a quel momento. Questo è stato un gesto corretto oltre che gentile. Infatti, è consigliato mantenere il più possibile costante l’alimentazione del cucciolo, evitando di cambiare la marca delle crocchette per non stressare l’apparato digerente.

Come leggere la tabella nutrizionale

Alimentazione del cucciolo - Tabella Nutrizionale Simpsons Puppy
Tabella nutrizionale di riferimento: Simpsons Puppy

La tabella nutrizionale la trovi sul retro della confezione delle crocchette che hai scelto. A scanso di equivoci noi facciamo riferimento alle crocchette Puppy Simpsons ma in generale anche le tabelle delle altre marche vanno interpretate nello stesso modo. Hai la tabella nutrizionale sotto mano? Ottimo! Ora trova il range di peso del tuo bullo (solitamente il tuo bulletto è da ‘collocare’ nel range che va da 1-5 Kg o da 5 a 10 Kg) e in base ai mesi (3 / 4 / 5 / 6 ) trovi l’indicazione corrispondente dei grammi da dare al tuo cucciolo. Ovviamente, viene indicato il valore globale di grammi da un minimo ad un massimo questo perché devi considerare che le crocchette sono adatte per un Bouledogue Francese ma anche ad esempio ad un Bull Terrier, Boston Terrier o a un Bulldog Inglese.

Alimentazione del cucciolo_Bulldog Francee - Porzione cibo pasto
Utilizza sempre la bilancia per avere il peso corretto delle crocchette. Non andare a caso: gioverà alla crescita del tuo cucciolo.

A questo punto fai una media e suddividi il peso totale in 3 porzioni. Per darti un riferimento pratico: inizialmente, Mia e Dante mangiavano rispettivamente 30 gr. e 40 gr. 3 volte al giorno, poi, man mano che prendevano peso abbiamo aumentato la razione portandola a 40 gr. e 50 gr. fino ad assestarci, intorno ai 9 mesi ai 50/60 gr. (Mia) e 80/100 gr. (Dante). Ora che sono diventati adulti e pesano rispettivamente 12 Kg. e 15 Kg., fanno regolare esercizio fisico, ai pasti mangiano Simpsons Sensitive Salmone e Patate oppure Anatra e Patate con queste grammature 70/80 gr. e 100/110 gr. (mattino presto e sera verso le 19).

Le trovi in vendita su Zooplus.it oppure su Ciam.it . Se clicchi sui banner scopri le offerte del giorno. Noi acquistiamo molto spesso su entrambi i siti online perché convenienti, hanno diversi formati espressi in Kg. (noi prendiamo l’offerta da 24Kg perché abbiamo due cani ma tu magari preferisci provare la confezione da 2 Kg )e non abbiamo mai avuto problemi di consegna oppure con il prodotto.

La gestione del cibo del cucciolo

Un altro punto importante dell’alimentazione del cucciolo è la gestione del cibo in relazione al fattore tempo. A nostro avviso è fondamentale dare al cucciolo un tempo massimo per finire il pasto (non più di 20 minuti), dopodiché devi levare la ciotola, sia che abbia finito o che abbia lasciato qualche crocchetta. Non lasciare mai a sua disposizione le crocchette 24 ore su 24, altrimenti il tuo Bouledogue imparerà a sbocconcellare a suo piacimento durante il giorno, col risultato che gestirà il cibo come gli pare, senza essere mai del tutto sazio, né del tutto a digiuno. Noi conserviamo le crocchette in appositi contenitori ermetici così non si sente l’odore delle crocchette aperte. Tipo questo prodotto di diverse misure:

Il ruolo del capo branco durante il pasti

Il cucciolo dipende da te e deve vederti sempre come capo branco a cui ubbidire e portare massimo rispetto. Per questo motivo abitualo ad accettare la tua vicinanza durante i pasti, affinché non mostri in futuro aggressività possessiva al cibo. Lodalo e accarezzalo se si mostra tranquillo. Inoltre, fagli capire che non sei una minaccia per il suo pasto, ma anzi, sei prezioso! Non solo non rubi il suo cibo ma, mentre sta mangiando la sua razione, sei solito aggiungere dentro la sua ciotola una manciata di crocchette. Ti amerà!

Razza Bouledogue Francese: facciamo chiarezza. Dante in Punta_Profilo
Dante in tutto il suo splendore 😀

La competizione del cibo

Invece, è completamente diverso il caso in cui ci sono due o più cani in casa. In questa situazione, fissare un tempo massimo entro il quale i cuccioli devono terminare il pasto non avrebbe senso. Istintivamente negli animali scatta la competizione sul cibo, una gara a chi mangia di più e più velocemente! Dante e Mia da sempre consumano i pasti insieme. A causa dell’istinto di competizione Dante da cucciolo era voracissimo e non contento si fiondava sulla ciotola di Mia rubandole quasi tutto il pasto.

Regole di comportamento durante i pasti

Un’altro aspetto importante dell’alimentazione del cucciolo è il comportamento tra cani. A Dante abbiamo dovuto insegnare a non rubare il cibo della sorella e di mangiare solo quello che gli spetta. Primo insegnamento: la sua razione è sempre e solo nella ciotola a destra del supporto in acciaio. Pertanto si deve posizionare a destra della ciotola. Secondo insegnamento: gli spetta solo quella porzione di crocchette, e che la ottiene solo se è tranquillo. Terzo insegnamento: può mangiare in seguito al il comando “seduto”. É stato difficile? No, ma è stato impegnativo perché ci vuole pratica e costanza.

No al cibo sotto la tavola

Ora vi diamo un consiglio che vale oro. Mai e poi mai prendere la malsana abitudine di dare da mangiare al cucciolo dalla tavola o mentre stai mangiando. Il tuo nobile gesto sarà interpretato dal tuo cane come la possibilità di prendere liberamente del cibo dal tuo piatto. Fra cani questo succede solo quando ci si relaziona con esemplari deboli. Tu non sei debole, sei il capo branco! Il risultato di dare da mangiare al cane dalla tavola è che perderesti autorità e che avresti fra i piedi (nel vero senso del termine) il tuo Bouledogue Francese per tutto il tempo del pranzo o della cena, in stato di ansia ed in attesa di poter accedere al tuo cibo. Pertanto, non incentivare mai questi atteggiamenti durante i tuoi pasti. Anzi, ti consigliamo di scoraggiarli sempre. Se il cucciolo prova a saltarti in grembo mentre stai mangiando dagli le spalle e girati con la sedia, non rispondere a zampate con carezze e sguardi dolci ma mostrati indifferente, freddo e distaccato… non avendo la tua attenzione la smetterà di stazionare in cucina. In generale, il cane apprezza di più il cibo guadagnato di quello gratis, così si sente utile.

Non dare gli avanzi al cucciolo

Altro consiglio che vale una visita in meno dal veterinario: è sconsigliato dare gli avanzi del pranzo o della cena a tuo cucciolo. Gli avanzi casalinghi sono un di più e potrebbero pregiudicare la formulazione delle crocchette, già bilanciate per la sua crescita. Oppure il tuo cucciolo potrebbe essere intollerante a qualche ingrediente, o alla frutta oppure la verdura e sentirsi male con diarrea e vomito. Se vuoi invece affidarti alla cucina casalinga puoi andare a leggere questo articolo oppure farti aiutare da un bravo nutrizionista. In alternativa qualche libro interessante

Il cucciolo in forma e del giusto peso

Lo sapevi che l’80% della crescita del Bouledogue Francese avviene nel primo anno di vita? É quindi molto importante tenere sotto controllo la crescita del tuo cucciolo, che dovrà aumentare di peso in modo proporzionale alla sua mole da adulto che per una maschio è di massimo 14Kg. e per la femmina è di 12/13 Kg. Pertanto, regola sempre l’alimentazione e l’attività fisica del tuo cucciolo, tenendo presente che il peso forma prevede che il punto vita sia visibile, con un rientro addominale poco pronunciato. Un Bouledogue Francese in peso forma allontana patologie come displasia dell’anca e problemi alla schiena.

Alimentazione del cucciolo Dante 9 mesi
Dante a 9 mesi

Di seguito una lista delle cose da tenere a mente:

  • non farlo ingrassare;
  • non farlo cadere;
  • in passeggiata usa una pettorina modello ad H o il collare;
  • non fargli prendere colpi troppo forti (ad esempio se tira il guinzaglio in passeggiata);
  • non farlo saltare in verticale (tipo se vuole giocare alla palla);
  • non fargli fare le scale, soprattuto in discesa, entro l’anno di età;
  • non farlo correre mai in bici;
  • non fargli fare salite e discese impervie (dune o sentieri di montagna);
  • non farlo giocare con cani troppo grossi e irruenti.

La PICA

Hai mai sentito il termine Pica? La Pica è un disturbo alimentare che porta il cane a ingoiare oggetti non commestibili. Ovviamente è un disturbo molto pericoloso se pensi a materiali come il vetro, lattine aperte, puntine, chiodini, bottigliette che contengono solventi. D’altro canto, il cucciolo nei primi mesi di vita è nella fase di esplorazione orale e prende in bocca qualsiasi cosa per capire se è commestibile oppure no. Cosa fare allora? A nostro avviso il cucciolo deve essere lasciato libero di analizzare gli oggetti che incontra e al contempo il proprietario deve essere vigile e prevenire l’insorgere della Pica. Ti consigliamo quindi di lasciare che il cucciolo analizzi ogni cosa senza però strappargliela repentinamente dalla bocca (ovviamente salvo siano cose mortali). In caso contrario, questo tuo gesto anche se a fin di bene, verrebbe interpretato dal cucciolo come cibo super ambito e la volta successiva anziché farselo rubare dalla bocca preferirà ingoiarlo. Meglio dunque ignorare questi episodi. Se sei in passeggiata continua a camminare a ritmo sostenuto, se sei in casa distrai il cucciolo mostrandogli un giochino. Alla fine il cane sputerà l’oggetto non commestibile di sua iniziativa!

Evita di cambiare spesso le crocchette

L’alimentazione del cucciolo è quindi di primaria importanza e nel caso del Bouledogue Francese deve essere fatta davvero con attenzione. Infatti, se alimentato alla buona, con crocchette di scarsa qualità o con gli avanzi dei tuoi pasti, il Bouledogue Francese può incorrere a problemi di salute. Per tanto, privilegia sempre crocchette di buona qualità, evita le schifezze e leggi bene l’etichetta riportata sul retro della confezione. Fino ai nove mesi (e alcune marche anche un anno) scegli crocchette pensate per il cucciolo, si chiamano Puppy, e non cambiare marca, se non per evidenti problemi di salute. Se nel cucciolo dovessi riscontrare inappetenza, vomito, calo di peso, perdita di pelo, forte dermatite rivolgiti subito al tuo veterinario di fiducia.

Come fare il cambio di crocchette nel cucciolo

Il cambio di crocchette va fatto con gradualità. Nell’arco di una settimana togli 20 gr. di crocchette abituali e inserisci 20 gr. di crocchette nuove, fino a ribaltare la composizione. Se si presenta la diarrea non ti allarmare! Il cambio di crocchette in soggetti così piccoli può provocarla. Una valida soluzione è acquistare dei fermenti lattici per cani. Ti consigliamo questi prodotti che abbiamo utilizzato e che riteniamo validi per bloccare la diarrea e sistemare l’intestino del cane.

I sintomi della dermatite nel cane

Se il veterinario ha riscontrato una dermatite nel cucciolo devi sapere che individuarne la causa scatenante è complicato: potrebbe essere il cibo, o un agente esterno (ad esempio il polline, le graminacee, l’acaro) o banalmente le condizioni igieniche in cui vive il tuo Bouledogue. I sintomi della dermatite nel Bouledogue Francese sono: un forte prurito alle zampe tale che il cane le morsica insistentemente, procurandosi anche delle ferite; un latente prurito al sedere (anche se le ghiandole perianali sono state svuotate) con conseguente “piroetta” su se stesso per trovare sollievo; un prurito dietro le orecchie e, grattandosi con la zampa, il cane si può ferire; perdita di pelo. Nello specifico, se la causa della dermatite è l’intolleranza alimentare, sei in presenza di un’intolleranza del cane a qualche ingrediente specifico contenuto nella crocchetta (di solito ai cereali, ndr) ma solo un esame specifico effettuato in laboratorio e molto costoso (parliamo di € 325,00 ndr) può individuare. Abbiamo scritto un articolo ad hoc sulla dermatite del Bouledogue in base alla nostra esperienza.

L’intolleranza alimentare può essere la causa della dermatite nel cucciolo?

Alimentazione del cucciolo - La dermatite alla zampe
Tipico aspetto delle zampe del Bouledogue con dermatite. Le zampe sono di un color marrone, effetto della saliva e del continuo morsicarsi per trovare sollievo dal prurito

La causa scatenante della dermatite del cane è di difficile individuazione e non è riconducibile immediatamente al cibo. Gli effetti però sul cucciolo possono essere devastanti perché scatenano un insistente prurito nel corpo del cane che se non curato, può portare allo sviluppo di infezioni come la pio-dermite e all’otite. Dante e Mia, intorno ai 6 mesi, hanno avuto proprio una dermatite sfociata rapidamente in pio-dermite ed otite. E solo dopo una serie di esami per esclusione fatti dal veterinario, abbiamo optato per il cambio di crocchette. Noi abbiamo scelto le crocchette Simpson di cui abbiamo anche fatto anche la recensione completa e che ci sentiamo di consigliarti al gusto delicato di Salmone. Quando il cucciolo sarà adulto potrai alternare ogni 6 mesi il gusto Salmone con il gusto Anatra e Patate.

Se sei arrivato fino a qui… Complimenti! Anche tu hai a cuore il tuo Bouledogue Francese e sei consapevole che l’alimentazione del cucciolo è una cosa molto importante per il suo benessere e la sua crescita.

Find the Frenchie!
Scritto perché provato.

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa serve davvero? Leggi la Guida!

La tua casa è a prova di cucciolo? Una lista di cose da fare prima del suo arrivo. Leggi ora!

Il recinto per cani da interno. La nostra esperienza e i nostri consigli. Scopri ora!

Il primo viaggio con il tuo cucciolo? Le nostre dritte per un viaggio piacevole!

Dove far dormire il cucciolo la prima notte? Leggi ora

PetZolla – lettiera di prato vero da interno. La nostra recensione!

Razza Bouledogue Francese: facciamo chiarezza

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Pedigree Bouledogue Francese. La guida

Pedigree bouledogue francese
L'importanza del pedigree nel bouledogue francese

Pedigree Bouledogue Francese è un documento molto importante per te e per il tuo cane. Il pedigree è il certificato genealogico del cane, l’unico certificato che attesta che il tuo Bouledogue è un Bouledogue Francese, ovvero ne certifica la razza canina.

Niente se, niente ma. Informati per bene prima di acquistare un Bouledogue Francese sia in termini di caratteristiche della razza, di allevamenti, e sull’importanza di avere il pedigree.

Pedigree Bouledogue Francese: le bufale in rete

Sicuramente avrai sentito o letto su qualche gruppo Facebook frasi di questo tipo:

Il pedigree serve solo per le mostre di bellezza

Ah! il pedigree è una sciocchezza per spillare soldi

Io al mio bullo gli voglio un bene immenso anche senza pedigree

Quelli del pedigree sono tutti snob

Il mio bullo è figo anche senza pedigree

Ecco, se sei tentato di cedere alle facili parole da bar e al prezzo di favore di chi ti propone un cane XXX come Bouledogue Francese senza pedigree, devi sapere che stai per essere vittima di una truffa. Vuoi davvero essere truffato? Sei davvero disposto a dare €800,00 o più euro all’amico dell’amico che millanta che con amore e passione vende presunti Bouledogue Francese? Ma chiediti … Se lo fa con amore e passione perché non lo fa gratis? Allora lo faremo tutti, no? Oppure, se lo fa con tanto amore e passione perché non si adopera per bene e si qualifica come allevatore a tutti gli effetti? Perché fare l’allevatore non è un hobby è un lavoro, duro e serio.

Che cosa è il Pedigree?

Il pedigree è il certificato genealogico del tuo cane di razza, è un documento ufficiale rilasciato dall’ENCI che attesta e certifica l’iscrizione del tuo cane ai libri genealogici. L‘ENCI (Ente nazionale cinofilia italiana) è l’Ente che in Italia si occupa dell’iscrizione di un cane ai libri genealogici, è affiliato alla FCI (Federazione cinofila internazionale), che raggruppa le federazioni cinofile di oltre 80 paesi.

Il pedigree garantisce che l’iscrizione del tuo cane abbia seguito l’iter previsto dalla normativa emanata per decreto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Inoltre, in caso di smarrimento, l’iscrizione al Libro genealogico tenuto dall’ENCI aiuta la rintracciabilità del tuo cane indipendentemente dalla Regione in cui è stato smarrito. 

Per la legislazione italiana la vendita di cani proposti come “di razza”, senza che questa qualità sia attestata dal pedigree, è vietata dal Decreto Legislativo n. 529 del 30 dicembre 1992.

Un cane sprovvisto di pedigree emanato dall’ENCI non può essere considerato un “cane di razza”, anche se morfologicamente simile e non potrà partecipare alle manifestazioni ufficiali (esposizioni, prove di lavoro, ecc). 

Nel pedigree trovi queste informazioni:

  • il numero d’iscrizione ROI (Registro Origini Italiano)
  • i dati anagrafici del cane (la razza, il nome, il sesso, quando è nato, il colore del mantello, il numero di microchip e la genealogia del cane)
  • la genealogia del cane (vengono indicati i genitori, i nonni, i bisnonni fino ad arrivare ai trisnonni);
  • chi, tra gli antenati, è stato campione di bellezza in Italia o all’estero e ha conseguito risultati in prove, brevetti, selezioni e/o è stato sottoposto a controlli sanitari per le displasie.
  •  i dati anagrafici del proprietario e dell’allevatore.
  •  I diversi passaggi di proprietà avuti del tuo bulldog francese

In sostanza, il Pedigree è una sorta di carta d’identità del tuo Bouledogue Francese dove, oltre a tutti i suoi dati identificativi, è riportato l’albero genealogico del tuo bullo fino a ai trisnonni, gli eventuali titoli degli antenati ed eventuali esami sanitari; perciò è una certificazione dell’appartenenza del soggetto ad una razza pura.

bouledogue francese mentre gioca
L’importanza del pedigree in un cane di razza

Come si legge il pedigree?

Nella parte in alto troviamo tutti i dati identificativi del cane come

  • gruppo di appartenenza della razza
  • numero di iscrizione al Registro delle Origini Italiano (ROI)
  • data di iscrizione
  • nome del cane
  • data di nascita
  • sesso
  • razza
  • numero di microchip
  • colore del mantello
  • nome dell’allevatore.

Nelle note in alto a destra vengono riportati i timbri ufficiali per displasia e dna. Segue la genealogia del cane con a fianco tutti i titoli degli avi (ove ci siano), con una semplice legenda esplicativa a fondo pagina.

A cosa serve il pedigree?

Il fatto che un Bouledogue Francese abbia il pedigree non significa che sia necessariamente un cane da esposizione, ma semplicemente che è figlio di bulldog francese con pedigree. Il pedigree permette di risalire agli antenati del tuo bullo e avvalla la serietà dell’allevatore. Quest’ultimo è tenuto a rispettare il regolamento ENCI ed a seguire delle regole precise come garantire il benessere e la salute dei propri cani, impegnarsi a far riprodurre cani sani, senza malattie manifeste e patologie ereditarie, a non far riprodurre femmine troppo giovani o troppo anziane e rispettare i calori di riposo.

Quanto costa il Pedigree Bouledogue Francese?

Come si può leggere dal prospetto delle tariffe istituzionali consultabile nel sito ENCI il costo del pedigree varia da €41 a € 44,50 comprensivi dei diritti di segreteria. Per tanto, se ti stanno raccontando la storia che il pedigree costa tanto e giustifica il prezzo del Bouledogue allontanati subito, perché chi ti sta di fronte non è un allevatore serio. Allo stesso modo, prendi subito le distanze se ti stanno proponendo l’acquisto di un Bouledogue ad un prezzo inferiore rispetto al consueto (dai €1500 ai €2000) perché sprovvisto di pedigree. Se il cane è di razza (qualsiasi essa sia) il pedigree accompagna sempre il cane.

Alcuni consigli prima dell’acquisto del Bouledogue Francese

Se sei arrivato a leggere fino a qui significa che sei davvero intenzionato ad acquistare un Bouledogue Francese con pedigree. Per tua comodità abbiamo riportato la lista degli allevatori riconosciuti dall’Enci suddivisa per regione così prima di spostarti e fare chilometri fai una telefonata all’allevatore più vicino a te. Non essere timido e non avere esitazioni! Sulla base delle informazioni che abbiamo riportato in questo articolo, sei in grado di interloquire con l’allevatore e di capire immediatamente la sua serietà e professionalità. La cosa migliore che tu possa fare, è quella di fissare un appuntamento e visitare personalmente l’allevamento. Ad esempio:

  • chiedi se vengono fatti regolarmente i test sulla salute dei bulli (esame della patella, esame del cuore)
  • se gli esemplari presenti in allevamento partecipano ad Esposizioni Nazionali ed Internazionali
  • quale alimentazione è stata scelta
  • quali prodotti sono usati per la cura dei bouledogue e l’igiene della struttura.

In seguito avrai a disposizione tutti gli elementi per valutare l’allevatore, l’allevamento, i genitori dei cuccioli, la struttura in cui vivono, l’igiene e l’amore con cui vengono allevati.  

In questo articolo sul pedigree bouledogue francese siamo stati diretti, forse brutali nell’esposizione, ma lo abbiamo scritto davvero con sincerità e passione.

Find the Frenchie!
Scritto con il cuore perché provato.

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Bouledogue Francese Blu: Commerciante ed Allevatore a confronto. Leggi ora!

Come scegliere il cucciolo di Bouledogue Francese ed evitare fregature. Leggi subito!

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa serve davvero? Leggi ora!

Guida all’alimentazione del cucciolo. Leggi subito!

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Boston Terrier o Bulldog Francese?

Guida alla scelta della razza canina boston terrier o bulldog francese.
Guida alla scelta della razza canina boston terrier o bulldog francese.

Boston Terrier o Bulldog Francese? Sei indeciso e non sai ancora quale razza canina fa per te? Abbiamo creato una guida facile facile per aiutarti a prendere la decisione giusta in base alle caratteristiche di entrambi i cani e considerando il tuo stile di vita. 

L’aspetto fisico

Il Boston Terrier e Bulldog Francese sono così simili a prima vista ma non potrebbero essere più diversi! Molte persone li confondono e si chiedono quali sono le principali caratteristiche. Eccole!

Il Boston Terrier ed il Bulldog Francese hanno in comune:

Il muso, la coda e la schiena corta; gli occhi scuri, grandi e tondi; il sorriso adorabile;  le orecchie verticali; il pelo è corto, liscio e lucente.

Il Bulldog Francese rispetto al Boston Terrier

Il Bulldog Francese ha le zampe più corte e curve, una costruzione muscolosa, una testa grande e quadrata, una struttura ossea più grande e le orecchie a pipistrello, erette ed arrotondate a conchiglia. Il Bouledogue è più piccolo del Boston Terrier, raggiunge un’altezza che si aggira intorno ai 28-31 centimetri (contro un massimo di 38/43 cm del Boston Terrier). Il peso dei maschi si aggira dagli 8 kg e non dovrebbe superare i 14 Kg per non essere considerati obesi; le femmine invece raggiungono un peso leggermente inferiore, massimo i 10 kg. Il Bouledogue Francese è compatto, muscoloso, un piccolo ‘carroarmato’ – e se vuoi saperne di più ne abbiamo parlato con dovizia. Il colori del mantello del Bouledogue Francese sono caille (bianco con pezzature nere), caille fauve (bianco con pezzature fulve), fulvo (di varie tonalità), bringèe (tigrato).

Boston Terrier o Bulldog Francese? Un confronto di razza di cani.
Una perfetta gang di Bulldog Francese.

Il Boston Terrier rispetto al Bouledogue Francese

Ha una circonferenza più sottile, le zampe sono dritte, lunghe e magre, la testa è larga, arrotondata e priva di rughe, e le orecchie sono appuntite. È un cane più attivo, atletico e longilineo – merito anche del suo peso più leggero – rispetto al Bouledogue. I colori del mantello del Boston Terrier possono essere grigio striato con pezzature bianche, oppure nero sempre con pezzature bianche, ma anche grigio con pezzature nere. Di norma il muso è bianco con una fiamma bianca che continua anche sulla testa, sul collo, sul petto e sugli arti anteriori; anche sulle zampe posteriori vi è del bianco. 

Coppia di Boston Terrier in allenamento.
Coppia di Boston Terrier in allenamento.

Il temperamento 

Boston Terrier o Bulldog Francese? Ogni cane ha il suo carattere distintivo che lo differenzia rispetto all’altro cane. Il Boston Terrier è affettuoso, gentile, amichevole, intelligente e vivace. Il Bulldog Francese è affettuoso, allegro, giocoso, leale, sociale e silenzioso. Quando si tratta di abbaiare, il Boston Terrier abbaia di tanto in tanto, mentre il Bulldog Francese abbai raramente. Se stai cercando un cane tranquillo, il Bulldog Francese è la scelta migliore.

Tre Bulldog Francese
Boston Terrier o Bulldog Francese? Con questi 3 bulli non si scherza eh!

Vita in casa con Boston Terrier o Bulldog Francese?

Sia il Boston Terrier che il Bulldog Francese richiedono minime cure giornaliere: mangiano due volte al giorno, le passeggiate possono essere anche brevi, il pelo è corto e non è necessario spazzolarli ogni giorno. Entrambi quindi sono un ottimo compromesso per chi non ha molto tempo e non intende spendere soldi per la toelettatura settimanale del suo nuovo amico peloso.

Il Boston Terrier ed il Bulldog Francese si adattano molto bene alla vita in appartamento. Sono capaci di controllare la loro energia all’interno dell’appartamento e sono molto adattabili alle nuove situazioni di vita. I Bulldog Francesi sono felici di stare in casa, amano vivere in un piccolo spazio.

Boston Terrier detto anche American Gentlemen
Boston Terrier detto anche American Gentlemen

L’Addestramento del cane

Se questo è il tuo primo cane o se non hai molto tempo da dedicare alla sua educazione, il Boston Terrier è il cane che fa per te. Il Boston Terrier è molto più facile da addestrare, educare ed allenare rispetto al Bouledogue Francese.  Se invece sei paziente e sei constante nell’addestramento, puoi optare con il Bulldog Francese. Il Boston Terrier impara velocemente e regala grandi soddisfazioni al suo “umano”. Il Bulldog francese, invece, dato che è testardo e cocciuto, potrebbe richiedere una formazione costante per ottenere i risultati che stai cercando.

Stare in forma

Il Boston Terrier e il Bulldog francese richiedono esercizio leggero. A differenza di alcune razze, questi due cani non hanno bisogno di corse lunghe e vigorose. Una breve passeggiata è sufficiente per renderli felici!

I Boston Terrier sono cani molto attivi e possono facilmente essere coinvolti in un gioco di recupero. Amano saltare, correre, giocare e inseguire, e talvolta anche nuotare. Alcuni Boston Terrier possono diventare ossessionati da palle da tennis e possono voler giocare senza interruzioni!

I Bulldog Francesi sono più pigri e rilassati considerata loro costruzione più pesante, che li rende meno agili quando. Una passeggiata lunga e tranquilla o un’escursione lieve è un buon esercizio per il Bulldog Francese e dovrebbe essere fatta regolarmente per evitare l’obesità.

Boston terrier o bulldog francese? Un confronto tra due razze canine all'apparenza simili.
Boston terrier o bulldog francese? Un confronto tra due razze canine all’apparenza simili.

Cani da guardia

Il Boston Terrier è un ottimo cane per segnalare la presenza di intrusi in casa. Se c’è un ospite indesiderato, il Boston Terrier correrà per avvertiti che c’è qualcuno. Non cercherà tuttavia di difendere te e la tua famiglia. Lo farà invece il Bulldog Francese, perennemente innamorato di te e della tua famiglia tanto da proteggerti anche in situazioni al limite del pericolo.

Aspettativa di vita

Il Boston Terrier è conosciuto per vivere più a lungo del Bulldog Francese. L’aspettativa di vita media del Boston Terrier è tra i 13-15 anni, mentre l’aspettativa di vita media del Bulldog Francese è compresa tra i 10 e 12 anni.

Il Costo di un Boston Terrier o Bulldog Francese

A seconda dell’allevatore scelto – e sottolineiamo riconosciuto ENCI – i prezzi possono variare. Per un Bulldog Francese, i prezzi medi si aggirano dai  €1.500 ai €2.000 mentre i Boston Terrier il range di prezzo è dai € 1.800 ai € 2.500. Precisiamo che i prezzi riportati sono una media, fonte di indagine in rete e di riscontro e segnalazioni della nostra community online. 

Alcune doverose precisazioni. In Italia non si possono vendere cani (o gatti) di razza senza pedigree: non è illegale vendere un cane o un gatto senza pedigree, ma è illegale farlo se questi animali vengono venduti come “di razza”. L’allevatore o il venditore è responsabile se vende un animale come “di razza” e invece non lo è. Prestate molta attenzione quando un allevatore o un venditore promettono un cucciolo ad un prezzo notevolmente più basso rispetto a quello di mercato. Potrebbe trattarsi di un animale di provenienza illecita, ossia di contrabbando o di importazione illegale. La legge vieta questi comportamenti introducendo un apposito reato: quello di traffico illecito di animali da compagnia. 

Soprannomi: Gentlemen, Frenchie e Bullo

Il Boston Terrier, di razza nativa americana, è soprannominato il Gentleman americano, perché sembra indossare, con stile e grazia, una giacca nera e che resti impettito nel suo petto bianco senza alcuna macchia. Il Bouledogue Francese, è soprannominato Frenchie (soprattutto negli Stati Uniti), diminutivo simpatico della razza French Bulldog. In Italia, il Bouledogue è soprannominato Bullo per la sua irresistibile arroganza e spavalderia negli approcci con gli altri cani (anche se molto più grandi di lui): sguardo dritto in tono di sfida, tutto il corpo proteso in avanti, dei piccoli carro armati di simpatia!

"Boston

Conclusioni: Boston Terrier o Bulldog Francese?

Sei ancora combattuto tra Boston Terrier o Bulldog Francese? Se conosci qualcuno che ha un Boston Terrier o un Bulldog Francese, chiedigli di trascorrere un pò di tempo con il loro cane, oppure partecipa ad un incontro specifico su entrambe le razze canine. Questo ti permetterà di incontrare diversi cani e di ottenere informazioni preziose sul campo.

Find the Frenchie!

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Boston Terrier Vs Bouledogue Francese: l’intervista a chi li ha scelti

Bouledogue Francese: maschio o femmina? Leggi subito il confronto

Recinto per cani da interno. La nostra esperienza e i nostri consigli. Leggi ora!

Cosa serve davvero al tuo cucciolo? Scopri ora la Guida!

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Caratteristiche del bulldog francese

Dante e Mia da cuccioli

Vediamo insieme le caratteristiche del Bulldog Francese: è un cane di taglia media, compatto nelle sue proporzioni, ha il pelo corto, abbaia di rado e con moderazione, è affettuoso e giocherellone con grandi e piccini, è ideale per chi vive in un appartamento. Entrate in sintonia con lui: fatelo sentire come uno dei componenti della vostra famiglia. Testardo, vispo, intelligente: scoprirà subito i nostri punti deboli e, se non gestito correttamente fin da cucciolo, li userà per farvi “capitolare” ad ogni sua richiesta. Non vorrete ritrovarvi in casa un piccolo adorabile tiranno, vero?

Caratteristiche del bulldog francese
Dante e Mia i Bouledogue di Find the Frenchie

Il bouledogue francese rientra nella categoria dei molossi: cani affettuosi e forti, sempre vicini al padrone, sensibili e leali. Il Bouledogue è perennemente innamorato del proprio “umano” e della sua famiglia: socievole, affettuoso, giocherellone ed al contempo molto geloso. Non permetterà a nessuno di mettere i piedi in testa al suo padrone: coraggioso fino ad essere incosciente. Lo dimostra questo video: un bulldog francese difende la propria casa da due orsi!

Caratteristiche del bulldog francese: orecchie dritte, posa della rana, irresistibile grufolare

Le orecchie dritte a conchiglia sono una delle principali caratteristiche del Bouledogue tanto che spesso si accosta a Batman, l’eroe dei fumetti. Le sue orecchie secondo molti sono le più belle in assoluto o almeno le più simpatiche: quando vi ascolta il bulldog francese le estende al massimo. E non dimentichiamo che, essendo un cane compatto, spiccano e lo rendono speciale!

Caratteristiche del bulldog francese
Inteso primo piano di Mia

Un’altra peculiarità è la posa della rana: una posa unica al mondo – chiamata anche a pelle di mucca – che i bulli adottano quando sono stanchi, hanno caldo e vogliono riposare. Ed infine il loro caratteristico “verso”: un irresistibile grugnito, che si sposa perfettamente con la sua identità. Il bulldog francese grufola, proprio come un maialino!

Alimentazione_ Bouledogue Francese in estate_ Mia
Mia in una sua abituale posa plastica 😀

Caratteristiche del Bulldog Francese: Ozio e Pigrizia ma non solo!

Il Bouledogue francese è un simpatico cane da compagnia che ama vivere in ozio tra tappeti e morbidi cuscini ma non disdegna affatto lunghe passeggiate in compagnia. Possente e muscoloso, a causa del muso schiacciato non è certo adatto agli sport estremi, ma necessita di movimento per mantenere in forma la sua eccezionale muscolatura. Tranquillo, simpatico, egocentrico estroverso adora giocare anche con i bambini. Il bulldog francese è un cane sicuro di sé, gioioso ma testardo che non ama essere ignorato. Inoltre è un cane intelligente e riesce prima o poi a far breccia nel padrone e ad ottenere quello che stava cercando… Rapirci definitivamente il cuore! La verità è che il Bouledogue Francese è un cane che si fa voler bene.

In lui troviamo l‘equilibrio perfetto tra la dolcezza del cane da compagnia e l’impetuosità del cane da guardia.

Caratteristiche del bulldog francese
Dante il nostro amatissimo Bouledogue Francese

Conoscere la razza Bouledogue francese

I cuccioli di bouledogue francese sono buffi e tanto simpatici, diventa facile innamorarsene, ma bisognerebbe fare uno sforzo ed ad andare oltre la simpatia. Sarebbe perfetto se prima di acquistare un cucciolo di bulldog francese ci si informasse in modo da conoscere leprincipali caratteristiche della razza Bouledogue francese.

Oltre ai libri sul Bouledogue Francese, è fondamentale visitare anche uno o più allevatori riconosciuti ENCI in modo da vedere sia i cuccioli ma anche i bouledogue adulti. Importante anche conoscere lo standard della razza, ma di questo ne parleremo in un altro articolo!

Find the Frenchie!
Scritto con il cuore perché provato.

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Bouledogue Francese Blu: Commerciante ed Allevatore a confronto. Leggi ora!

Come scegliere il cucciolo di Bouledogue Francese ed evitare fregature. Leggi subito!

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa serve davvero? Leggi ora!

Guida all’alimentazione del cucciolo. Leggi subito!

Pubblicità

Ricordo di Dante: un anno senza il nostro compagno fedele e amato

Dante, un anno senza di te.

Caro Dante, amore mio, il 20 febbraio 2024 sarà un anno da quando non ci sei più. Un anno durante il quale mi sono posto molte domande e ho cercato risposte. Ti ho pensato ogni giorno, poiché il vuoto che hai lasciato è profondo. Eri tante cose messe insieme.

Testardo e esploratore, amavi i posti nuovi, le tue consuetudini e il bar! Hai cercato di portare avanti tutto ciò con estrema caparbietà fino agli ultimi giorni, come se nulla fosse, nonostante il tuo corpo stesse cambiando e le energie cominciassero a venir meno. Amavi quella vita fatta di tante piccole cose. La scoperta di nuovi luoghi e odori, la gioia del viaggio, piccolo o grande che fosse, e il cibo! Amavi la compagnia e il relax insieme a noi umani che ti abbiamo voluto bene e continuiamo a volertene tanto.

Chiamarti cane mi sembra davvero riduttivo e fuori luogo, ma questo possono capirlo in pochi… Abbiamo vissuto in simbiosi, capendoci a colpi di sguardi e di parole, con grandi abbracci. Mi manca il tuo sospirone, quello che facevi prima di rilassarti completamente tra le mie braccia. Mi manca il tuo entusiasmo per le passeggiate e i giri in macchina.

Ti abbiamo dato tanti soprannomi perché tante erano le tue sfumature: Dantino, Babù, Dantone, Dentino… i dentini più belli del mondo.

Hai dato un senso a molte cose. Da te avrei dovuto imparare di più, ma vedi? Sono ancora più testardo di te.

Mi sono chiesto cosa abbiamo fatto in questi anni, rendendo ancora più nota una razza canina sulla quale si specula sempre di più per soldi. Abbiamo cercato di portare avanti un discorso legato alla consapevolezza, raccontando il bello di avere dei cani come voi, anche nei momenti più difficili e costosi.

Sì, costosi, perché bisogna ammettere che questa razza è delicata e chi vi dice il contrario o è stato estremamente fortunato, oppure vuole vendervi un cane (ma non voglio approfondire oltre!).

Neppure la tua umana ha metabolizzato così bene la cosa, oltre all’affetto che ha provato per te, ti ha curato sempre con grande coraggio, facendo di tutto per cercare di prolungare la tua permanenza con noi. Non è servito e, oltre a un grande amore, ha perso un grande compagno di passeggiate e complice.

Find the Frenchie - Dante - Bouledogue Francese
Find the Frenchie – Dante – Bouledogue Francese

Insomma, Dante, manchi a tutti, anche alla tua sorellina Mia, che ha avuto le sue disavventure, anch’essa stoica, senza mai lamentarsi, soffrendo spesso in silenzio, forse per non voler essere di peso. Anche a lei manchi molto, tu, il suo fratellone rompiscatole con un carattere più tontolotto, pauroso, lei sempre docile ma capace di farsi rispettare al momento opportuno.

Find the Frenchie sarà sempre e solo per voi, i nostri due unici e insostituibili bulli adorati. Forse continuerà un lavoro di consapevolezza affinché un cane, e in particolare di questa razza, non sia preso in maniera avventata, senza considerare aspetti fondamentali della gestione: dalle spese veterinarie al tempo che passano da soli.

Da questo punto di vista c’è ancora molto da fare, perché molte persone sono superficiali e ancora non hanno capito che non siamo Allevatori.

È stato un anno in cui ogni giorno anche il telefono, nelle foto che proponeva, ti ha ricordato in questi anni passati insieme, troppo pochi, tutto troppo veloce amore mio, e mi è rimasto impresso lo sguardo dei tuoi occhi in quella ultima mattina che ti ho visto, e la sera, volevo tornare a casa, consapevole che ti restava ancora poco da vivere e io volevo starti accanto fino all’ultimo.

Arrivato a casa è stata solo una grande disperazione, te ne eri già andato e io non ero accanto a te, ad accompagnarti nel tuo ultimo viaggio, mio grande amico, mio grande amore. Ho una grande rabbia e va bene, questa lettera in fondo è più per me che per te, per cercare di stare meglio.

Mi dispiace, caro Dante, non era questo il finale che avevo immaginato, è andato tutto storto e tu non ci sei più. Non sei sostituibile e non ti sostituiremo.

Un grazie va anche a tutte le persone che ci hanno supportato nel momento del bisogno e che ci sono state vicine e ancora oggi continuano a farlo. Forse abbiamo fatto qualcosa di buono, ma il merito è tuo, caro Dante, e della tua sorellina.

Possiamo solo considerarci fortunati ad averti avuto con noi.

P.S: Per tutti quelli che non capiranno quanto scritto, chiedo solo di non commentare e di preferire il silenzio, vi ringraziamo di cuore.

Find The Frenchie
Scritto con il cuore.

Pubblicità

Collezione Bulldog Francese

Magliette e accessori Find the Frenchie Ogni design è stato realizzato con cura per trasmettere l'unicità del Bouledogue ed ora è finalmente disponibile stampato in digitale su t-shirt, felpe, popsockets, pop grip, borsa tote bage, cuscini e cover per smartphone (Android e Apple). Il tutto è stato affidato ad Amazon perché lo usiamo da sempre per i nostri acquisti e non ci ha mai deluso per tempi di consegna, eventuali resi e rimborsi velocissimi
Magliette e accessori Find the Frenchie Ogni design è stato realizzato con cura per trasmettere l'unicità del Bouledogue ed ora è finalmente disponibile stampato in digitale su t-shirt, felpe, popsockets, pop grip, borsa tote bage, cuscini e cover per smartphone (Android e Apple). Il tutto è stato affidato ad Amazon perché lo usiamo da sempre per i nostri acquisti e non ci ha mai deluso per tempi di consegna, eventuali resi e rimborsi velocissimi

Collezione Bulldog Francese. Abbigliamento per lei e lui e accessori per la casa ed il tempo libero a tema bulloso.

Siamo entusiasti di annunciare la nostra collezione per l’abbigliamento e gli accessori ispirati al Bouledogue Francese. Con passione e dedizione abbiamo creato una serie di disegni che catturano la giocosità ed i tratti distintivi del Bouledogue. Ci siamo ispirati in primis al nostro amato Dante per poi trarre ispirazione da situazioni bullose vissute nel tempo (un nostro viaggio a Parigi anni fa).

Collezione Bulldog Francese

Ogni design è stato realizzato con cura per trasmettere l’unicità del Bouledogue ed ora è finalmente disponibile stampato in digitale su magliette a maniche corte e lunghe, felpe con e senza cappuccio e con zip, popsockets, pop grip, borsa tote bage, cuscini e cover per smartphone (Android e Apple). Il tutto è stato affidato ad Amazon perché lo usiamo da sempre per i nostri acquisti e non ci ha mai deluso per tempi di consegna, eventuali resi e rimborsi velocissimi.

T-shirt Find the Frenchie

Le t-shirt sono con lo scollo tondo oppure a V e c’è anche la canotta! Sono realizzate con tessuti di buona qualità, perfetti per i giorni caldi o come layering sotto una felpa nelle stagioni più fresche. Le preview sono in nero ma ci sono tanti colori (es. rosa, azzurro, blu, giallo, arancione) e tutte le taglie per uomo e donna.

I disegni sono stampati digitalmente si distinguono per la loro nitidezza e vivacità dei colori, donando ad ogni t-shirt un aspetto unico e alla moda. Indossare una di queste t-shirt ti permetterà di esprimere il tuo amore per il Bouledogue Francese in modo originale, creativo ed un pò fuori dagli schemi. Sono disegni che vanno oltre lo stereotipo del Bouledogue Francese!

Le felpe Find the Frenchie

Per i giorni più freddi o per un look casual chic, le felpe della collezione sono l’opzione ideale. I modelli sono ben tre: felpa classica a scollo tondo, felpa con cappuccio, felpa con cappuccio con zip centrale tutte realizzate con materiali morbidi e confortevoli, queste felpe ti terranno caldo per il prossimo autunno inverno. I disegni dei bulldog francesi sono stampati con una tecnologia di stampa digitale all’avanguardia che assicura una resa dei dettagli.

Popsocket Bulldog Francese

I popsockets e i pop grip sono accessori essenziali per il tuo smartphone. Oltre ad offrire una presa sicura e comoda, la collezione presenta disegni originali di bulldog francesi che trasformeranno il tuo smartphone in un oggetto unico.

Cover per smartphone

Proteggi il tuo smartphone con stile grazie alle nostre cover per smartphone. Realizzate con materiali resistenti, queste cover offrono una protezione affidabile contro urti e graffi. Ogni design è stampato con attenzione ai dettagli, aggiungendo un tocco di originalità al tuo dispositivo. Al momento disponibili sono su amazon.com, amazon.co.jp

Conclusioni

Sia che tu stia cercando un capo d’abbigliamento per esprimere il tuo amore per i bulldog francesi o un accessorio unico per il tuo smartphone, le magliette e accessori Find the Frenchi possono fare al caso tuo. Vai oltre le solite magliette lacrimose, i nostri disegni sono stampati digitalmente, abbracciano lo spirito giocoso dei bulldog francesi ed in più hai tutte le garanzie di Amazon (spedizione, eventuali resi e rimborsi veloci).

Se stai cercando il regalo perfetto per un amico o un familiare appassionato dei bulldog francesi, la nostra collezione può essere un’ottima soluzione anche rapporto qualità-costo.

Affrettati a scoprire la collezione, perché il tuo prossimo look con il tocco canino è solo a un clic di distanza!

Pubblicità

Tappettino Olfattivo per il cane

Tappettino-Olfattivo-per-il-cane
Tappettino-Olfattivo-per-il-cane

Tappettino Olfattivo per il cane

Il tappetino olfattivo per il cane è un giocattolo progettato per stimolare il tuo Bouledogue mentalmente e fisicamente, offrendogli un’attività divertente ma un pò impegnativa. Il tappetino olfattivo è utilizzato per favorire l’olfatto, ad incoraggiare il nostro Bouledogue a cercare e trovare gli snack nascosti al suo interno. Sono particolarmente utili per cani che amano fiutare e cacciare, poiché soddisfano l’istinto naturale di ricerca del cibo.

Le caratteristiche comuni dei tappetini olfattivi per cani sono:

  • Nascondigli per il cibo: I tappetini interattivi sono dotati di varie tasche, scanalature o nascondigli in cui è possibile posizionare i biscotti o i pezzi di cibo. Il cane dovrà usare il suo naso e la sua mente per individuare e raggiungere i premi.
  • Materiali sicuri: Sono realizzati con materiali sicuri per i cani, come pile polare o feltro, che sono atossici e non danneggeranno il pelo del cane.
  • Varie difficoltà: Alcuni tappetini hanno diverse aree di difficoltà o sfide per rendere il gioco più intrigante e impegnativo, adattandosi alle diverse abilità e capacità dei cani.
  • Benefici per la salute: I tappetini interattivi possono contribuire a rallentare la velocità di alimentazione, migliorare la digestione e mantenere il cane mentalmente stimolato. Possono anche essere utili per ridurre l’ansia e il comportamento distruttivo, poiché il cane si concentra sull’attività di ricerca del cibo.
  • Facili da pulire: Molti tappetini sono progettati per essere facili da pulire, con materiali lavabili in lavatrice o lavabili a mano.
  • Portabilità: Alcuni modelli sono dotati di cinghie o maniglie per un facile trasporto e archiviazione.
Tappettino-Olfattivo-per-il-cane

A cosa serve il tappettino olfattivo?

Il tappetino olfattivo per cani è un gioco interattivo e quindi può essere utilizzato per vari scopi, tra cui:

  • Fornire una sfida mentale e fisica al cane.
  • Aiutare a prevenire la noia e l’eccessiva energia accumulata.
  • Favorire il rilassamento e la tranquillità dopo l’attività.
  • Aiutare nella gestione del peso corporeo attraverso un consumo più lento di cibo.

Recensione tappetino olfattivo Nobleza – Sniffing

Noi abbiamo approfittato di una offerta Amazon e abbiamo preso per Mia il tappettino olfattivo della Nobleza. Lo abbiamo messo alla prova per più di 2 settimane e ci ha convinto. Ottimo prodotto per le giornate in casa di Mia.

Secondo la descrizione del produttore, il tappetino olfattivo Nobleza è stato progettato per migliorare il fiuto del cane per scopi di caccia. Mia non caccia ma ha l’istinto predatorio verso le lucertole e cose che si muovono. Abbiamo acquistato il prodotto soprattutto per intrattenerla durante il giorno. Passa tanto tempo in casa, sia in inverno che in estate, abbiamo pensato che un gioco nuovo l’avrebbe tenuta impegnata.

Caratteristiche tappetino olfattivo Nobleza

Il tappetino olfattivo Nobleza è composto da cinque diversi nascondigli per il cibo, e l’obiettivo è quello di nascondere gli snack nel tappetino e chiamare il cane per iniziare un’esperienza divertente e stimolante.

Tra i vantaggi riportati del tappetino olfattivo per cani, ci sono:

  1. Miglioramento della salute mentale: l’uso di questi giocattoli interattivi può migliorare la salute mentale del cane riducendo l’ansia e risvegliandolo dal torpore casalingo.
  2. Divertimento attraverso giocattoli interattivi: Il tappetino è progettato con cinque nascondigli diversi per attirare l’attenzione del cane in modo efficace, rendendo il gioco divertente e coinvolgente.
  3. Materiale morbido e sicuro: Il tappetino è realizzato in morbido pile polare, che non danneggia il manto di Mia, rendendolo sicuro da utilizzare.
  4. Facile da pulire: Il fondo del tappetino è realizzato in tessuto Oxford, resistente allo sporco. La superficie è in morbido feltro, mentre il nascondiglio è in tessuto pile polare ecologico. Questa costruzione lo rende facile da pulire sia a mano che in lavatrice.
  5. Design portatile: Il tappetino olfattivo ha una cintura fissa, fibbie e una maniglia per facilitarne il trasporto e la conservazione.

Consigli

Prima di acquistare un tappetino olfattivo / interattivo per il tuo Bouledogue, considera le dimensioni e le abilità del tuo animale domestico, scegliendo un modello adatto alle sue esigenze. Assicurati sempre di fornire cibo sano e appropriato per il tuo cane e di monitorare attentamente l’uso del tappetino.

Pubblicità

Perché i cani brachicefali soffrono il caldo?

Bouledogue Francese dorme al fresco
Dante riposa al fresco in casa

Incidence and risk factors for heat-related illness (heatstroke) in UK dogs under primary veterinary care in 2016 è un interessante studio inglese pubblicato su Scientific Reports nel 2020. Lo studio è la conferma che i cani brachicefali corrono un rischio più alto di soffrire un colpo di calore rispetto alle altre razze (in primis il Golden Retriever). E, come più volte scritto anche nel nostro blog, si tratta di un’insidia pericolosa: il colpo di calore è, infatti, una condizione potenzialmente fatale, destinata a diventare sempre più comune, complice il cambiamento climatico. Lo testimonia l’anticipo d’estate di metà maggio, le temperature oltre di 35 gradi di questi giorni di luglio che minacciano la salute dei nostri Bouledogue.

Cani brachicefali. Dante, il nostro Bouledogue Francese, ama dormire nel più fresco della casa
Dante riposava al fresco, in casa

Cani brachicefali e colpo di calore

Lo studio inglese condotto dai ricercatori Emily J. Hall, Anne J. Carter e Dan G. O’Neill ha preso in esame oltre 900 000 cani sottoposti nel 2016 a cure veterinarie nel Regno Unito per indagare l’impatto del caldo su diverse razze di cani. I ricercatori hanno identificato 1222 casi di malattie legate alle alte temperature, notando che le razze brachicefale (dal greco brakhys, corto, e képhalos, testa) erano le più propense a soffrire per il caldo eccessivo: bulldog (quattordici volte più a rischio di venire colpiti dal colpo di calore rispetto ai labrador), bulldog francesi (sei volte più a rischio) e carlini (tre volte più a rischio).

Cani-brachicefali-soffrono-il-caldo
Immagini tratta dall’articolo Incidence and risk factors for heat-related illness (heatstroke) in UK dogs under primary veterinary care in 2016 pubblicata su Scientific Reports
Immagine tratta dall'articolo Incidence and risk factors for heat-related illness (heatstroke) in UK dogs under primary veterinary care in 2016 pubblicata su Scientific Reports

Perché i cani brachicefali soffrono il caldo?

La ragione va ricercata nella particolare anatomia del cranio di queste razze: la testa corta e schiacciata porta ad una capacità di respirazione ridotta e, quindi, ad una maggiore difficoltà a disperdere il calore ansimando.

Tuttavia la razza non è il solo fattore di rischio da considerare all’arrivo dell’estate: secondo lo studio, anche il peso in eccesso è, infatti, una condizione aggravante. I cani sovrappeso incorrerebbero, in particolare, in un rischio 1,5 superiore di venire colpiti da un colpo di calore, rispetto ad altri animali.

Cani brachicefali Bouledogue Francese
Dante e Mia riposavano al fresco

I nostri consigli per evitare il colpo di calore

In quanto proprietari di cani brachicefali abbiamo sempre dovuto mettere in atto alcuni accorgimenti per proteggere Dante e Mia dal caldo eccessivo. I consigli sono:

  1. evitare le passeggiate nelle ore più calde
  2. ridurre le attività all’aperto
  3. non lasciarli in giardino/spiaggia nelle ore più calde
  4. non tenerli mai chiusi in macchina neppure all’ombra (noi evitiamo anche in inverno)
  5. assicurati che siano sempre bene idratati (lascia a disposizione una ciotola di acqua fresca, cambiala spesso)
    • ai primi segnali di sofferenza (es. respiro eccessivo, tremori, occhi socchiusi, barcollamento) chiama una clinica, di che stai arrivando per un sospetto di colpo di calore e nel mentre cerca di abbassare la temperatura del tuo cane
  6. evitare di passeggiare sull’asfalto (ricorda tu hai le scarpe, il cane no)
  7. In auto e/o spazi ridotti metti di un piccolo ventilatore usb
  8. Procurati dei tappetini refrigeranti
  9. In frigorifero: indispensabile aver del ghiaccio (anche secco) per situazioni al limite. Ovvero se il cane ansima violentemente, ha la lingua viola … significa che è al limite. Non avrai tempo per niente. In automatico: prendi un asciugamano, bagnalo con acqua fresca, strizzalo. Prendi i cubetti di ghiaccio dal frigo, avvolti in un altro panno. Avvolgi il tuo bouledogue francese nell’asciugamano e inserisci vicino alla testa il panno con il ghiaccio, poi corri velocissimo dal veterinario…)
  10. Kit di emergenza da avere sempre

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Tappetini refrigeranti: la nostra selezione

Brandina per cani: la cuccia estiva perfetta per il tuo Bullo. Leggi subito!

Mini Ventilatore per l’estate

Bouledogue Francese e colpo di calore, ecco alcuni consigli essenziali

Recinto per cani da interno e trasportino. I nostri consigli.

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa gli serve davvero? La nostra Guida

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Colpo di calore nel Bouledogue. Prevenzione, consigli, prodotti refrigeranti

Dante e Mia sul tappetino refrigerante
Dante e Mia sul tappetino refrigerante per cani

ll colpo di calore nel Bouledogue Francese può essere fatale. Mancando quasi del tutto le ghiandole sudoripare i cani provano a regolare la loro temperatura corporea con la respirazione oppure tramite la traspirazione con i cuscinetti delle loro zampe. Il cane può smaltire solo parte dell’eccessivo calore, se poi il cane è un brachicefalo come il Bouledogue Francese la situazione si complica. Ecco a cosa servono i prodotti refrigeranti come la giacca, il tappetino e il collare, ad aiutarlo a disperdere l’eccessivo calore.

Il colpo di calore

Perché tanta attenzione per la temperatura corporea dei nostri Bouledogue Francese, come per tutti i cani brachicefali? Perché il colpo di calore se non gestito in tempo può portare alla morte del cane. Una delle prime avvisaglie è l‘innalzamento della temperatura corporea del Bouledogue che inizia ad ansimare con una frequenza sempre più elevata e la lingua inizia a cambiare colore, da rosa a rossa, bluastra. In questi casi occorre intervenire subito per cercare di normalizzare la temperatura del corpo del Bouledogue Francese. Una buona idea è tenere in casa gli asciugamani rinfrescanti rubati allo sport!

Se la temperatura dell’ambiente supera i 25 gradi, cerca di tenere fresco il pelo del tuo Bouledogue Francese quindi a disposizione acqua fresca e ghiaccio secco per ogni evenienza. Cerca di prevenire possibili criticità.

In questo momento è attiva una bella promozione su Zooplus.it dedicata proprio ai prodotti per l’estate. Prova a darci un’occhiata! Ci sono tappetini, gilet e cuscini rinfrescanti, piscinette e gommoni e tanti giochi estivi molto carini come palline da mettere anche in acqua.

Come prevenire il colpo di calore nel Bouledogue Francese

La migliore prevenzione per evitare il colpo di calore è il buon senso del proprietario del cane! Alcune semplici regole da seguire sono

  • Evita di portare a spasso il tuo bullo nelle giornate più calde della giornata.
  • In passeggiata portati sempre una bottiglia di acqua fresca e un asciugamano rinfrescante
  • Se devi affrontare dei viaggi lunghi, organizzati al meglio. Parti nelle ore più fresche, climatizzatore acceso, tappetini refrigeranti e ventilatore portatile. Prepara la discesa dall’auto… alza la temperatura dell’abitacolo per evitare shock termici e mai far appoggiare le zampe sull’asfalto bollente. Se il sole è a picco prendilo in braccio e portalo all’ombra.
  • In auto e in passeggiate assicurati che il tuo Bouledogue non rantoli
  • Sia dentro che fuori casa, non far mai mancare l’acqua al tuo bullo

Oltre a questi punti noi abbiamo cercato di ovviare a questo problema tramite l’acquisto di prodotti specifici che possono aiutarti a passare una buona estate. Stiamo parlando dei tappetini refrigeranti con cristalli attivi e in gel.

Come funzionano giacca e tappetino refrigerante

Giacca e tappetino refrigerante Acquacoolkeeper
Giacca e tappetino refrigerante Acquacoolkeeper

Questi prodotti al loro interno contengono che, al contatto con l’acqua si trasformano in un gel refrigerante attivo. Il gel si occupa di assorbire il calore corporeo del cane. L’effetto rinfrescante ha una durata teorica di circa 5 giorni. Scriviamo teorica perché chiaramente se provate a lasciare il tappetino sotto il sole battente per 8 ore chiaramente l’effetto non durerà così tanto e non si può farne una colpa al prodotto. Ancora una volta cerchiamo di usare il buon senso.

Ogni prodotto di questa linea prima del suo utilizzo deve essere immerso in acqua per il tempo indicato nella tabella sottostante (maggiori informazioni le avrete una volta acquistato il tappetino, la bandana o il cappottino refrigerante). Questi tempi vanno rispettati per evitare che il gel aumenti troppo di volume e fuoriesca dal prodotto stesso.

ProdottoTempi di Immersione
Materassinomax 45 min
Collare tg. XXS/XS+max 30 sec
Collare tg. S/4XLmax 15 min
Pettorinamax 30 sec
Bandana petmax 30 sec
Giaccamax 30 secondi
Tappetomax 2 min

Dove acquistare giacca e tappetino refrigerante per cani

C’è solo l’imbarazzo della scelta! Sia per la giacca che per il  tappetino refrigerante abbiamo acquistato due misure differenti perché Dante e Mia hanno differenti corporature.
Tappetino refrigerante taglia XL .Ottimo da mettere in terrazzo per noi che abbiamo due Bouledogue Francese)
Tappetino refrigerante taglia M .Utile da mettere sopra il cuscino del trasportino per i viaggi lunghi).

Find the Frenchie!
Scritto perché provato

Dante e Mia sul tappetino refrigerante
Dante e Mia sul tappetino refrigerante per cani

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Brandina per cani: la cuccia estiva perfetta per il tuo Bullo. Leggi subito!

Bouledogue Francese e colpo di calore, ecco alcuni consigli essenziali

Recinto per cani da interno e trasportino. I nostri consigli.

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa gli serve davvero? La nostra Guida

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Tappetino refrigerante per cani. La nostra recensione e consigli.

Dante in uno dei tanti suoi momenti di relax sopra Tappetino refrigerante Acqua Coolkeeper

Il tappetino refrigerante per cani è indispensabile se la tua casa è un forno estivo. La bella stagione è un periodo cruciale per la salute del Bouledogue Francese, che essendo brachicefalo, mal sopporta le alte temperature e l’afa. É quindi altamente sconsigliato fargli fare sforzo fisico nelle ore più calde della giornata. Ricorda che il Bouledogue Francese è soggetto al colpo di calore e che, nel peggiore dei casi, può morirne.

Tappettini refrigeranti a confronto: cristalli e gel

In questo articolo abbiamo messo a confronto due modelli diversi di tappetino refrigerante per cani, con cristalli ed in gel, indispensabili per affrontare con maggiore serenità i viaggi estivi in auto ed il relax domestico. Eccoli, il primo funziona con i cristalli e deve essere prima bagnato, il secondo è in gel pronto all’uso.

Novità Estate 2020

Tappetino Refrigerante Ferribiella Brrrvidino fantasia tropicale e camoufflage e in caso di extra fresco ci sono anche degli asciugamani ‘rubati’ allo sport!

Quale modello scegliere?

Noi abbiamo comperato sia il tappetino refrigerante con cristalli attivi che quello con il gel. Possiamo assicurarti che fin da subito, con entrambi i modelli, i nostri Bouledogue ne hanno tratto beneficio. É sufficiente che si sdraino sopra uno dei due tappettini per sentire refrigerio e la loro temperatura corporea si abbassa. Entrambi i modelli non vanno messi in frigo, a contatto con il ghiaccio e non vanno lasciati esposti al sole diretto. A nostro avviso sono il valido rimpiazzo della cuccia invernale o al cuscino. Di seguito ti raccontiamo le principali differenze.

Tappetino refrigerante per cani con cristalli attivi

La principale caratteristica del tappetino refrigerante con i cristalli attivi è che per funzionare deve essere immerso in acqua fredda (bastano 2 dita d’acqua, noi utilizziamo la vasca da bagno come appoggio) per 40 minuti. In questo modo si attivano i cristalli contenuti all’interno che assorbono l’acqua e mantengono il supporto fresco per più giorni.

Tappetino refrigerante per cani
Dante in uno dei tanti suoi momenti di relax sopra Tappetino refrigerante Acqua Coolkeeper

Vantaggi: la durata dell’effetto “fresco” è notevole! Anche 5 giorni.

Svantaggi: abbiamo notato che il tappetino refrigerante non si asciuga rapidamente e i nostri Bouledogue, Dante e Mia, non gradiscono riposare in un posto umidiccio. Se il tuo Bouledogue è un cucciolo è molto probabile che ci faccia pipì sopra per marcare il territorio. Purtroppo, noi abbiamo avuto questa esperienza, e ti possiamo assicurare che ci vuole parecchio tempo per togliere definitivamente l’odoraccio di pipì visto che non si possono utilizzare detersivi. Dettaglio da considerare: che una volta che i cristalli assorbono l’acqua il tappetino aumenta di peso. Infine, finita la stagione estiva, riponi il tappetino refrigerante in un luogo arieggiato per evitare che prenda cattivo odore. Eccoti i modelli:

Tappetino refrigerante per cani con gel interno

Il tappetino refrigerante per cani con il gel interno si basa su un concetto differente rispetto al tappetino con cristalli. Infatti, al suo interno è presente un gel particolare che si attiva con la pressione, ovvero quando il tuo Bouledogue Francese ci si distende sopra. Lo stesso refrigerio lo puoi provare anche tu appoggiandoci sopra la mano o il piede.

Mia riposa sul tappetino refrigerante
Mia riposa sul tappetino refrigerante appoggiato sopra la sua brandina

Vantaggi: Facilissimo da pulire! Basta una passata con panno umido e disinfettante. Non resta umido e questo può essere un aspetto fondamentale se hai un Bouledogue che non ama stare a contatto con superfici umide.

Svantaggi: a nostro avviso non è adatto al cucciolo che ha nella fase della dentizione ama mordicchiare e scavare. Il prodotto è resistente ma non indistruttibile! Meglio non rischiare. I modelli non mancano in forme e dimensione.

Che misura di tappetino refrigerante scegliere per il tuo Bouledogue Francese?

Gli ultimi acquistati sono in gel e  misurano 90×60 cm, considera che il tuo bullo si sdraia completamente assumendo anche la posa della rana (ndr). I tappettini li abbiamo acquistati su Ciam.it uno dei siti che solitamente utilizziamo per gli acquisti online e che ci sentiamo di consigliarti. Il formato 90×60 cm consente a Dante e Mia di stendersi anche in coppia e, a Dante permette di rilassarsi comodamente. Il formato 90×60 è anche duttile perché lo utilizziamo per la gabbia zincata che utilizziamo come trasportino per l’auto.

Find the Frenchie!
Scritto perché provato

Dante e Mia sul tappetino refrigerante
Dante e Mia sul tappetino refrigerante per cani

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Brandina per cani: la cuccia estiva perfetta per il tuo Bullo. Leggi subito!

Bouledogue Francese e colpo di calore, ecco alcuni consigli essenziali

Recinto per cani da interno e trasportino. I nostri consigli.

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa gli serve davvero? La nostra Guida

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

Prime Day 2023 Amazon

Prime Day 2023 Amazon
Prime Day 2023 Amazon Offerte imperdibili anche per il tuo cane

Il Prime Day 2023 Amazon è uno degli eventi di shopping online più attesi dell’anno, e per l’11 e 12 luglio, il colosso dell’e-commerce ha preparato qualcosa di speciale per gli amanti degli animali domestici. Infatti, durante il Prime Day 2023 di Amazon, avrai l’opportunità di accedere a offerte imperdibili su una vasta gamma di prodotti adatti anche alle esigenze del Bouledogue Francese.

Dai giochi innovativi (tappeto olfattivo per cani), agli accessori (guinzagli, pettorine, collari), all’abbigliamento (consiglio …fai scorta ora per l’inverno) e all’alimentazione. Amazon ha tutto ciò di cui hai bisogno per coccolare il tuo Bouledogue e qui trovi la nostra personale selezione con le offerte.

Prime Day 2023 Amazon

Abbiamo sempre considerato il Prime Day come un modo per scoprire e provare nuovi prodotti in offerta e per fare scorta di prodotti che usiamo. Cosa devi fare? Iscriviti fin da ora ad Amazon Prime (puoi iscriverti e poi recedere entro 30 giorni, così provi il servizio di consegna veloce e gratis, film e serie TV, musica e podcast senza pubblicità, giochi e contenuti esclusivi, spazio di archiviazione illimitato per le tue fotografie così hai tutto e liberi la memoria dello smartphone).

Offerte esclusive per il tuo Bouledogue Francese

Durante il Prime Day 2023 di Amazon trovi una vasta selezione di offerte esclusive adatte anche per la fisicità ed esigenze del Bouledogue Francese. Quest’anno noi siamo focalizzati sulla ricerca di prodotti che sulla carta soddisfano alcune esigenze di Mia e alcune di vanità umana.

  • una nuova ciotola rialzata per favorire il transito del cibo
  • un set estivo pettorina + guinzaglio
  • un cuscino basso ma comodo per il riposo (che sta spesso sul pavimento e non ci piace tanto per via della polvere …. )
  • un tappeto per la ricerca olfattiva visto che passa tanto tempo in casa

Alimentazione

Durante il Prime Day 2023 Amazon mette in evidenza anche una vasta selezione di alimenti per animali domestici. Puoi approfittare di sconti su cibo secco e umido di alta qualità per cani e gatti, inclusi marchi rinomati e opzioni biologiche. Inoltre, potrai trovare offerte su cibo specifico per razze, età e necessità dietetiche speciali. Questo è il momento ideale per provare anche nuovi marchi e assicurarti che il Bouleodogue riceva una buona nutrizione.

Gadget tecnologici per animali domestici:

Il Prime Day 2023 Amazon offre anche l’opportunità di acquistare gadget tecnologici per il tuo Bouledogue. Ad esempio telecamere di sorveglianza interattive che ti consentono di controllare il tuo bullo quando sei fuori casa a dispenser automatici di cibo e acqua, avrai a disposizione una vasta gamma di prodotti innovativi per rendere la vita del tuo Bouledogue più confortevole ed entusiasmante.

Approfitta dei vantaggi di Amazon Prime

Per accedere a tutte queste fantastiche offerte e beneficiare dei prezzi scontati durante il Prime Day 2023, è necessario essere un membro di Amazon Prime. Il programma di abbonamento offre numerosi vantaggi, come la spedizione gratuita in 1 giorno su milioni di prodotti, l’accesso a Prime Video, Prime Music e molto altro ancora. Se non sei ancora un membro, puoi iscriverti a un periodo di prova gratuito di 30 giorni per sfruttare appieno i vantaggi del Prime Day e delle altre offerte esclusive di Amazon.

Conclusione

Il Prime Day 2023 di Amazon (11 e 12 luglio) è un’occasione imperdibile anche per chi ha un Bouledogue Francese. Con una vasta selezione di offerte su prodotti per tutti gli animali domestici, troverai sicuramente un prodotto in offerta e prenderti cura del tuo Bouledogue. Non lasciarti sfuggire questa opportunità di trovare tutto ciò di cui hai bisogno per rendere la vita del tuo bullo ancora più piacevole. Assicurati di diventare un membro di Amazon Prime per beneficiare di tutti i vantaggi e accedere alle offerte esclusive durante il Prime Day 2023.

Pubblicità

Kit pronto soccorso per il Bouledogue

Kit proto soccorso bouledogue - find the frenchie
Kit proto soccorso bouledogue - find the frenchie

Luglio è arrivato anche quest’anno. In questo articolo ti raccontiamo come comporre il kit pronto soccorso per il Bouledogue. Se vuoi star tranquillo, è buona pratica portarsi dietro anche le cose per la sua salute.

Il kit di primo soccorso è perfetto se partirai con il cane per le vacanze oppure per una mini fuga per il week end. Essendo il Bouledogue brachicefalo, è fondamentale avere con sé articoli salva vita e medicinali adeguati. Ricorda: in vacanza non sempre c’è un veterinario vicino a te. Ti consigliamo di ricercare prima della partenza i veterinari e le cliniche veterinarie aperte e vicine alla tua struttura alberghiera.

Dante e Mia in vacanza - bouleodgue-francese- Blog Find the frenchie
Dante e Mia in vacanza a Villa 61 qualche anno fa

Consigli prima del viaggio

Prima della partenza è importante fare una telefonata al tuo veterinario, indicando dove andrete. Abbiamo scritto un articolo ad hoc su questo punto con informazioni sulla parte burocratica: il passaporto, la vaccinazione anti-rabbica e tanti consigli per il viaggio.

Se è la prima volta che parti in vacanza con il tuo Bouledogue testa la sua reazione al viaggio in auto. Potrebbe soffrire il mal d’auto. Se riscontri brutti segnali come respiro corto, affanno, stress potrebbe esserti utile un calmante naturale (in gocce o in spray). Ad esempio questi prodotti qui di seguito

Oppure farti prescrivere dal veterinario il farmaco Cerenia (anti nausea, ma attenzione fatti spiegare bene dal veterinario come prenderlo).

Kit pronto soccorso per Bouledogue

Ti consigliamo di procurati un trolley o una borsa dedicata solo al tuo Bouledogue così avrai le sue cose in un unico bagaglio. Se è affetto da patologie ricordati le sue medicine soprattutto se sono dietro prescrizione veterinaria. Qui di seguito trovi tre categorie: gli indispensabili, i salva vita da colpo di calore, cose da avere per medicare il cane da eventuali ferite. Se vuoi maggior controllo prepara 3 buste per ogni categoria. Prendi nota di ogni articolo e depennalo quando lo avrai inserito nella borsa. Così, in ogni caso (routine, malattia o incidente) avrai lo specifico kit pronto soccorso sotto mano.

Dante e Mia Bouledogue Francese in vacanza
Davanti a Dante c’è il bagaglio con il Kit pronto soccorso (borsa trasportino Ferribiella)

Gli indispensabili per il Bouledogue

Iniziamo con gli articoli base, giusto un memorandum.

Ciotola pieghevole e borraccia con acqua fresca, sacchettini per la raccolta della pupù, salviettine detergenti, fazzoletti di carta, repellente olio di neem per insetti, Gentalyn Beta o Hypermix per eventuali punture di bestiacce e lenire il fastidio. Ovviamente le sue crocchette, la sua ciotola e il suo cuscino o copertina. Fermenti lattici contro episodi di diarrea. Soluzione fisiologica o collirio alla camomilla per occhi arrossati.
Siringhe. Ebbene sì, sono molto utili per somministrare eventuali medicine, possono aiutarti ad alimentarlo, re-idratarlo o a sciacquare una ferita. Ti basta una siringa da 5 ml e un’altra da 20 ml.
Alcuni suggerimenti di prodotti che noi abbiamo acquistato (ed acquistiamo).

I prodotti salva vita contro il colpo di calore

La temperatura corporea normale del cane è di 38,5-39°C ma ogni volta che supera i 40,5°C ci troviamo di fronte ad una vera emergenza. Da avere:

Termometro, ghiaccio secco, siringa con fiala di cortisone (devi passare dal veterinario prima di partire, chiedi istruzioni), giacca e tappetino refrigerante refrigerante, ventilatore portatile usb, spruzzino e panno per rinfrescarlo. Se sei nei pressi di un ristorante o bar chiedi del ghiaccio.

Gli articoli per medicare le ferite del cane

Nessuno cane è al riparo da ferite, dunque è essenziale che nel tuo Kit di primo soccorso ci sia una soluzione antisettica. Sono disponibili molte opzioni: dall’acqua ossigenata alle soluzioni a base di chlorexidina o soluzioni iodate di tipo betadina. Per pulire e disinfettare una ferita sono indispensabili garze sterili e bende (anche elastiche). Per piccole medicazioni procurati un rotolo di cerotto, meglio se di carta (meno doloroso da togliere). Ricordati che ci sei anche tu! Un disinfettante e guanti in lattice per te, un paio di forbici e una pila.

Buone vacanze!
Find the Frenchie

Alcuni suggerimenti di prodotti che noi abbiamo acquistato (ed acquistiamo).

Buone vacanze!
Find the Frenchie

Altri argomenti che potrebbero interessarti

In Vacanza con il Bouledogue. Tutto quello che devi sapere prima di partire

Bouledogue Francese e colpo di calore, ecco alcuni consigli essenziali

Coprisedile auto per cani. La nostra recensione

Cucciolo di Bouledogue Francese. Cosa gli serve davvero? La nostra Guida

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

In treno con il Bouledogue

in treno con il cane
Francois in treno

Viaggiare in treno con il cane deve essere una bella esperienza. A noi manca, non lo abbiamo ancora fatto perché siamo abitudinari e prendiamo l’auto. Ci piacerebbe tanto andare in Piazza San Marco con Dante… Ed il mezzo di trasporto migliore per raggiungere la Serenissima è il treno!

In questo articolo abbiamo quindi raccolto le informazioni necessarie per viaggiare in treno con un Bouledogue Francese.

In treno con il cane. Francois e Roberto guardano il panorama dal finestrino
Francois in treno con Roberto, il suo umano, verso la Sicilia

Come portare in treno il cane?

In Italia i cani di piccola taglia possono viaggiare gratuitamente in treno, nell’apposito trasportino per cani (70x30x50 cm) in prima e seconda classe. Il trasportino andrà tenuto a terra e non sul sedile. Se vorrai tenerlo sul sedile accanto a te dovrai pagare il biglietto. Mettici dentro le cose fondamentali come acqua, ciotola, copertina, il suo giochino preferito. Fallo mangiare leggero e prima di salire fagli fare i bisognini.

In treno con il cane. Francois pendolare
Francois ronfa beato in treno

Invece, i cani grandi devono essere tenuti al guinzaglio e muniti di museruola pagando un biglietto ridotto a seconda della destinazione e tipologia del treno.

Cane in treno: cosa è obbligatorio portare

È obbligatorio avere con sé:

  1. certificato di iscrizione all’Anagrafe Canina
  2. libretto Sanitario
  3. collare e/o pettorina
  4. guinzaglio
  5. museruola

Museruola per Bouledogue

L’utilizzo della museruola per Bouledogue ci lascia molto perplessi. Come saprai il Bouledogue ha il muso schiacciato e alcuni esemplari faticano a respirare soprattutto in estate e in situazione di stress. È obbligatorio avere la museruola anche per salire su altri mezzi pubblici e, se il controllore lo richiedesse, deve essere indossata dal cane per tutto il viaggio. Le museruole che abbiamo visto nei punti vendita e sui negozi online non ci fanno impazzire. Le uniche che si salvano sono queste molto simili fra loro:

Questo tipo di museruola è in rete traspirante, è flessibile e si adatta alla fisicità del muso del Bouledogue, gli permette di respirare dal naso ma se il bullo è in affanno è chiaro che sarà di forte d’impiccio. Dante e Mia non sono cani mordaci, per tanto consideriamo forzato l’acquisto della museruola (è obbligatorio averne una con sé sui mezzi pubblici).

Quanto costa viaggiare in treno con il cane?

Il Bouledogue può viaggiare gratuitamente (custodito in un trasportino che non superi le misure di 70x30x50) in prima e seconda classe, su tutte le categorie di treno e nei livelli di servizio Executive, Business, Premium e Standard. Attenzione, puoi portare con te un solo trasportino.

Il biglietto può essere acquistato presso le biglietterie di stazione, le self service, le agenzie di viaggio abilitate, chiamando il Call Center e, per i viaggi sui treni nazionali, anche su questo sito e su App Trenitalia.

In treno con il cane. Francois nel suo trasportino
Francois è un Bouledogue che ama viaggiare. Pendolare Treviso – Padova e Treviso – Sicilia

Quali sono le sanzioni possibili in treno con il cane?

Se il treno è diverso da quello prenotato

Puoi accedere con il tuo Bouledogue a un treno diverso da quello prenotato, se consentito dal tuo biglietto e nei limiti temporali dello stesso, avvisando il personale di bordo e, nel caso di un cane di qualsiasi taglia, pagando l’eventuale differenza di prezzo e la penalità di 10 euro. Attenzione alle coincidenze: se dovrai cambiare treno e prendere un Regionale: non potrai farlo salire nei feriali dalle 7 alle 9.

Se non hai il pagato il biglietto per il cane

Se a bordo treno risulti sprovvisto del biglietto per l’animale (se richiesto) vieni regolarizzato con il pagamento del prezzo Base intero previsto maggiorato di una penalità (nel caso di viaggio in vetture letto, il compartimento deve essere acquistato per intero). La stessa regolarizzazione è prevista se l’animale non è ammesso al trasporto e, in tal caso, devi anche scendere con il cane alla prima stazione in cui il treno effettua fermata.

Se non hai con te i documenti obbligatori

Sprovvisto di iscrizione all’anagrafe canina e il libretto sanitario (o il “passaporto del cane” per i cani dei viaggiatori stranieri) devi corrispondere una penalità di 25 euro.  
Se il trasporto dell’animale non rispetta le condizioni previste (per esempio se il cane è sprovvisto di museruola o guinzaglio) o le dimensioni del contenitore superano quelle ammesse, devi pagare, salvo diversa disposizione tariffaria, una penalità di 10 euro.
In tutti questi casi dovrai comunque scendere con il cane alla prima stazione in cui il treno effettua fermata, senza diritto al rimborso di quanto pagato.

Rispetto e doveri del proprietario
 
Se l’irregolarità riguarda sia il biglietto che il rispetto delle condizioni di trasporto dell’animale oppure nel caso di utilizzazione di più treni di categoria diversa, le penalità dovute si applicano una sola volta. 
Durante il trasporto in treno devi sorvegliare il tuo animale e sei responsabile di tutti i danni eventualmente arrecati. In nessun caso l’animale può occupare posti destinati ai viaggiatori e qualora rechi disturbo, su indicazione del personale del treno, dovrai spostarti in un altro posto eventualmente disponibile o scendere alla prima stazione in cui il treno effettua la fermata.

In treno con il cane. Francois guarda fuori dal finestrino
Francois romantico guarda il tramonto

Find the Frenchie

Buon viaggio!

Altri argomenti che potrebbero interessarti

In vacanza con il Bouledogue Francese. Tutto quello che devi sapere prima di partire

Kit pronto-soccorso per il Bouledogue

In agriturismo con i Bulldog Francese! Scopri la Tenuta Le Sorgive a Solferino

Ad Abano Terme con i nostri Bouledogue! Leggi la recensione

B&B Villa 61 – Maison de Campagne. Un week end di relax con i Bouledogue

Doggy Beach Lignano Sabbiadoro, spiaggia per cani attrezzata

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità

In Vacanza con il Bouledogue Francese

In vacanza con il tuo Boueldogue
Dante e Mia pronti per le vacanze estive

In vacanza con il Bouledogue Francese? In questo articolo trovi le informazioni indispensabili per partire sereno con il tuo Bouledogue. Dalle vaccinazioni ai documenti, agli orari da preferire per gli spostamenti. Buona lettura!

Dante a Villa 61

Vacanza con il Bouledogue Francese

Andrai in vacanza con il Bouledogue Francese al mare oppure in montagna? Noi preferiamo la montagna per le temperature più basse, più indicate per il benessere del Bouledogue. Riguardo l’ospitalità … oramai la maggioranza delle località turistiche, negli alberghi e nei ristoranti, i cani sono accettati e diremmo …benvoluti! L’unica cosa che ti consigliamo è di fare una telefonata di verifica e di non dare per scontato nulla. Per esempio sai cosa dice la legge sulla presenza dei cani al ristorante? Oppure sai che molte spiagge attrezzate per i cani esigono il libretto del cane con attestazione vaccino anti-rabbica?

Le cose importanti da portare con te

Pianifica tutto per tempo in relazione alle esigenze del tuo Bulldog Francese. Da portare assolutamente con te: il libretto veterinario, se vai all’estero il passaporto del cane, kit prontosoccorso, medaglietta identificativa con inciso il tuo numero di cellulare, il cibo del tuo Bouledogue.

Controllo veterinario: dimmi dove vai e ti dirò cosa serve

È cosa buona e giusta interpellare il tuo veterinario di fiducia prima di partire. A volte basta anche una telefonata per comunicargli che andrai in vacanza in una certa località. In questo modo il veterinario potrà consigliarti al meglio ed in caso predisporre trattamenti adeguati oppure vaccinazioni necessarie. Anche per questo motivo è importante muoversi per tempo, almeno 20 giorni prima della partenza. Infatti, non è consigliato vaccinare il proprio cane subito a ridosso di una partenza, considerato il clima estivo e che spesso per il cane il viaggio è sempre un evento destabilizzante.

Vai all’estero? Passaporto e vaccino anti-rabbica

Se resti in Italia basta il normale libretto vaccinale (richiesto vaccino anti-rabbica in molte spiagge attrezzate, informati per tempo ndr), ma se ti rechi all’estero è necessario avere il passaporto europeo, che richiede di essere in regola con la vaccinazione antirabbica.  Il passaporto del cane viene rilasciato dai Servizi Veterinari delle AUSL competenti per territorio. Attenzione a fare bene i calcoli in relazione alla scadenza del vaccino, dato che se il richiamo si effettua oltre la data prevista il documento resta “sospeso” (cioè non è valido) per altri 21 giorni.

La valigia perfetta

In vacanza con il tuo Bouledogue porta alcune ciotole, i giochi preferiti, il tappetino refrigerante, un cuscino e l’impermeabile (per scaramanzia). Come già indicato porta con te i kit prontosoccorso ed il suo cibo abituale, che possono essere di difficile reperibilità nelle zone turistiche. Se il tuo Bouledogue soffre di particolari patologie (ad esempio cardiopatie o problemi digestivi, dermatite) portati dietro, oltre il libretto, anche la sua cartella clinica con esami e valutazioni recenti, che potrebbero servire nel caso ti debba rivolgere ad un medico veterinario della zona in cui sarete in vacanza.

Dante e Mia il rito della pappa
Dante e Mia e il rito della pappa

Prepararsi al Viaggio

Il viaggio è un’esperienza soggettiva per il cane. Ad esempio, Dante adorava viaggiare in auto mentre a Mia non piace… Noi abbiamo migliorato la sua esperienza con la macchina (viaggi brevi di massimo 1 ora su strade veloci e autostrada, ndr) con l’acquisto di un coprisedile auto per cani che consente un flusso d’aria maggiore nell’abitacolo. Ma se il tuo Bouledogue soffre di cinetosi forte, oppure si agita parecchio durante il viaggio, ti consigliamo di recarti dal tuo veterinario per capire come affrontare il problema. Sconsigliamo vivamente di usare dei farmaci sedativi da somministrare al Boueldogue, essendo brachicefalo deve essere monitorato dal veterinario sia durante che al risveglio. Personalmente sconsigliamo vivamente il viaggio in aereo e tutte quelle situazioni nelle quali il cane non è sotto il vostro diretto controllo.

Il viaggio in macchina (breve)

In auto, quando il viaggio non è lunghissimo, puoi evitare di far mangiare il tuo Bouledogue poco prima del viaggio, in modo da scongiurare il rischio di vomito. Meglio però avere sempre a portata di mano un rotolone di carta da cucina, non si sa mai… Evita, se possibile, gli spostamenti in macchina nelle ore più calde. Porta con te sempre una ciotola e una bottiglia d’acqua per agevolare la sua dispersione di calore e mantenerlo idratato.

in vacanza con il Bouledogue Francese
Il coprisedile si monta in pochi minuti. Le cinghie si regolano ai poggia testa, in dotazione anche un guinzaglio così in cane resta nella sua zona e non esce.

Il viaggio in macchina (lungo)

Se invece il tuo viaggio è lungo, ti consigliamo di attrezzare l’abitacolo della tua auto con tendine da sole, mini-ventilatore portatile e accertati che l’aria condizionata non abbia problemi. A tal proposito ti consigliamo di diminuire gradualmente la potenza del climatizzatore quando stai per arrivare a destinazione. Infatti, l’impatto violento con la temperatura esterna potrebbe causargli danni molto seri. Evitare assolutamente che poggi le zampe sull’asfalto bollente (tu hai le scarpe lui no e la temperatura dell’asfalto bollente può raggiungere anche i 70°), se necessario portalo in braccio in zona erbosa oppure all’interno della struttura prenotata.

Programmare delle soste ai FidoPark

Programma delle soste negli Autogrill FidoPark attrezzati per far muovere il cane, sgranchirsi o eventuali bisognini. Non lasciare mai che il tuo Bouledogue chiuso in auto, neppure un minuto, anche se all’ombra e con i finestrini socchiusi. È stato calcolato che sono sufficienti 10 minuti a 50°C per avere danni cerebrali irreversibili e 30 minuti per morire. Oltre a tutto, verresti anche denunciato per reato di maltrattamento agli animali.

Dante e Mia in vacanza a Villa 61

Viaggiare con Trenitalia con il tuo Bouledogue

Non abbiamo mai viaggiato in treno con Dante e Mia al seguito… abbiamo sempre il timore che ci sia un guasto o un ritardo e che si blocchi l’aria condizionata. Però, se tu non hai questi timori, sappi che sui treni i cani sono i benvenuti. Obbligo di guinzaglio e museruola. Abbiamo però chiesto a Paola e Roberto di raccontarci come fanno con Francois da Treviso fino in Sicilia. Ecco la loro testimonianza.

Viaggiare su ItaloTreno con il tuo Bouledogue

Su ItaloTreno le cose si fanno un pò più difficili: i cani di piccola taglia sono i benvenuti negli appositi trasportini. Per i cani oltre i 10 chilogrammi puoi prenotare il servizio, fatta salva la relativa disponibilità, contestualmente all’acquisto del tuo biglietto fino a 2 ore prima del viaggio, unicamente attraverso il Contact Center “Pronto Italo” (Tel. 06.07.08) e soltanto in abbinamento all’offerta Flex (a seconda della disponibilità) per gli ambienti Prima, Comfort e sugli Evo anche in Smart.

Il prezzo per il trasporto del cane è pari a 50€. Il servizio può essere aggiunto anche successivamente all’acquisto del tuo biglietto chiamando “Italo Assistenza” (Tel. 89.20.20), purché fino a 2 ore prima del viaggio in abbinamento alle tariffe ed agli ambienti consentiti. Nel caso di rinuncia al viaggio da parte di un passeggero o di indisponibilità di un nuovo treno a seguito di un cambio verrà rimborsato l’80% dell’integrazione pagata per il servizio.

Viaggiare in aereo

Come abbiamo già scritto sconsigliamo di far viaggiare il tuo Bouledogue in aereo perché probabilmente (anche se non dovesse superare i 10 Kg. di peso) nei momenti estivi – di maggior traffico aereo – verrebbe messo in stiva, da solo, nel trasportino alla mercé di sbalzi di temperatura e chissà cos’altro. In ogni caso, se proprio, te la senti di fargli fare un viaggio in aereo ti consigliamo di informarti direttamente dalla compagnia aerea.

Viaggiare in traghetto

Per quanto riguarda i viaggi sui traghetti, il cane è accettato in tutte le compagnie di navigazione ma ciascuna ha le sue regole. Ad esempio, ci sono traghetti con cabine dedicate ai 4 zampe, altri hanno canili con gabbie sui ponti, altri ti obbligano a viaggiare con il tuo cane restando sul ponte esterno e altre purtroppo esigono che il cane resti al chiusi in auto/camper (assolutamente no!!!) o in una gabbia in garage. Ti consigliamo di contattare la compagnia di navigazione e avere ragguagli.

Find the Frenchie

Buon viaggio e buona vacanza con il Bouledogue

Altri argomenti che potrebbero interessarti

In viaggio in treno con il Bouledogue Francese. Cose da sapere

In agriturismo con i Bulldog Francese! Scopri la Tenuta Le Sorgive a Solferino

Ad Abano Terme con i nostri Bouledogue! Leggi la recensione

B&B Villa 61 – Maison de Campagne. Un week end di relax con i Bouledogue

Doggy Beach Lignano Sabbiadoro, spiaggia per cani attrezzata

Scriviamo un articolo a settimana. Se vuoi riceverlo iscriviti subito alla nostra newsletter.
Se vuoi metterti in contatto diretto scrivi a info@findthefrenchie.com
Raccontiamo la vita di Dante e Mia sui social Facebook Instagram e Youtube
Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Pubblicità
error: RIPRODUZIONE VIETATA © IMMAGINI E CONTENUTI SOGGETTI A DIRITTO D\'AUTORE